codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 2341-ter codice civile: Pubblicità dei patti parasociali

Nelle società che fanno ricorso al mercato del capitale di rischio i patti parasociali devono essere comunicati alla società e dichiarati in apertura di ogni assemblea. La dichiarazione deve essere trascritta nel verbale e questo deve essere depositato presso l’ufficio del registro delle imprese (1) .

 

In caso di mancanza della dichiarazione prevista dal comma precedente i possessori delle azioni cui si riferisce il patto parasociale non possono esercitare il diritto di voto e le deliberazioni assembleari adottate con il loro voto determinante sono impugnabili a norma dell’articolo 2377 (2).


Commento

 

Società che fanno ricorso al capitale di rischio: [v. 2325bis]; Patti parasociali: [v. Libro V, Titolo V, Capo V, Sez. IIIbis]; Registro delle imprese: [v. 2188]; Azioni: [v. 2325]; Diritto di voto: [v. 2341bis].

Assemblea: organo collegiale della società, consistente nella «riunione dei soci, che avviene nei modi di legge, al fine di deliberare sugli argomenti sottoposti al suo esame».

Deliberazioni assembleari: atti collegiali aventi contenuto decisionale, in cui si esprime la volontà dell’organo assembleare degli enti giuridici quali le associazioni o le società, chiamato a discutere e, quindi, a pronunciarsi sul cd. ordine del giorno.

(1) Dal momento che non tutti i verbali delle assemblee dei soci sono soggetti al deposito presso il registro delle imprese, in quanto l’oggetto degli stessi può riguardare aspetti per i quali non si sia tenuti a dare pubblicità, dalla lettera della norma si deduce un obbligo generale di deposito presso il registro delle imprese di tutti i verbali di assemblea nei quali, in via preventiva, siano dichiarati i patti di sindacato.

(2) Trattasi, quindi, di delibere annullabili.



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti