codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 2447-decies codice civile: Finanziamento destinato ad uno specifico affare

Il contratto relativo al finanziamento di uno specifico affare ai sensi della lettera b) del primo comma dell’articolo 2447-bis può prevedere che al rimborso totale o parziale del finanziamento siano destinati, in via esclusiva, tutti o parte dei proventi dell’affare stesso.

Il contratto deve contenere:

a) una descrizione dell’operazione che consenta di individuarne lo specifico oggetto; le modalità ed i tempi di realizzazione; i costi previsti ed i ricavi attesi;

b) il piano finanziario dell’operazione, indicando la parte coperta dal finanziamento e quella a carico della società;

c) i beni strumentali necessari alla realizzazione dell’operazione;

d) le specifiche garanzie che la società offre in ordine all’obbligo di esecuzione del contratto e di corretta e tempestiva realizzazione dell’operazione;

e) i controlli che il finanziatore, o soggetto da lui delegato, può effettuare sull’esecuzione dell’operazione;

f) la parte dei proventi destinati al rimborso del finanziamento e le modalità per determinarli;

g) le eventuali garanzie che la società presta per il rimborso di parte del finanziamento;

h) il tempo massimo di rimborso, decorso il quale nulla più è dovuto al finanziatore.

I proventi dell’operazione costituiscono patrimonio separato da quello della società, e da quello relativo ad ogni altra operazione di finanziamento effettuata ai sensi della presente disposizione, a condizione:

a) che copia del contratto sia depositata per l’iscrizione presso l’ufficio del registro delle imprese;

b) che la società adotti sistemi di incasso e di contabilizzazione idonei ad individuare in ogni momento i proventi dell’affare ed a tenerli separati dal restante patrimonio della società.

Alle condizioni di cui al comma precedente, sui proventi, sui frutti di essi e degli investimenti eventualmente effettuati in attesa del rimborso al finanziatore, non sono ammesse azioni da parte dei creditori sociali; alle medesime condizioni, delle obbligazioni nei confronti del finanziatore risponde esclusivamente il patrimonio separato, salva l’ipotesi di garanzia parziale di cui al secondo comma, lettera g).

I creditori della società, sino al rimborso del finanziamento, o alla scadenza del termine di cui al secondo comma, lettera h) sui beni strumentali destinati alla realizzazione dell’operazione possono esercitare esclusivamente azioni conservative a tutela dei loro diritti.

Se il fallimento della società impedisce la realizzazione o la continuazione dell’operazione cessano le limitazioni di cui al comma precedente, ed il finanziatore ha diritto di insinuazione al passivo per il suo credito, al netto delle somme di cui ai commi terzo e quarto.

Fuori dall’ipotesi di cartolarizzazione previste dalle leggi vigenti, il finanziamento non può essere rappresentato da titoli destinati alla circolazione.

La nota integrativa alle voci di bilancio relative ai proventi di cui al terzo comma, ed ai beni di cui al quarto comma, deve contenere l’indicazione della destinazione dei proventi e dei vincoli relativi ai beni.


Commento

Contratto: [v. Libro IV, Titolo II]; Società (per azioni): [v. Libro V, Titolo V, Capo V]; Beni: [v. 810]; Garanzia: [v. 1179]; Registro delle imprese: [v. 2188]; Frutti: [v. 820]; Azione: [v. 2419]; Creditori: [v. 2036]; Obbligazioni: [v. Libro IV, Titolo I]; Fallimento: [v. 2221]; Nota integrativa: [v. 2427]; Bilancio: [v. 2217].

Finanziamento destinato ad uno specifico affare: contratto che prevede che al rimborso totale o parziale del finanziamento vadano destinati, in via esclusiva, tutti o parte dei proventi derivanti dall’affare stesso.

Cartolarizzazione: operazione finanziaria mediante la quale un’impresa cede in blocco, a titolo oneroso, i propri crediti, presenti e futuri, o altri titoli non negoziabili ad apposite società finanziarie che a fronte di tale acquisto emettono, direttamente o mediante cessione ad altra società emittente, titoli negoziabili, da collocare sul mercato.

 

L’articolo in esame detta la disciplina da applicarsi alla seconda ipotesi di patrimonio destinato e, cioè, quella determinata dalla stipula di un contratto relativo al finanziamento di un unico affare con i cui proventi si provvederà al rimborso del finanziamento stesso. Anche in questo caso ai creditori sociali viene sottratta la garanzia dei beni strumentali necessari per la realizzazione dell’affare specifico, sui quali potranno compiere solo atti conservativi, nonché dei proventi e dei frutti dell’affare fino al rimborso del finanziamento e nei limiti stabiliti nel relativo contratto.



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti