Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015

Codice civile Art. 2447-novies codice civile: Rendiconto finale

Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015



Quando si realizza ovvero è divenuto impossibile l’affare cui è stato destinato un patrimonio ai sensi della lettera a) del primo comma dell’articolo 2447-bis, gli amministratori redigono un rendiconto finale che, accompagnato da una relazione dei sindaci e del soggetto incaricato della ((revisione legale dei conti)), deve essere depositato presso l’ufficio del registro delle imprese.

Nel caso in cui non siano state integralmente soddisfatte le obbligazioni contratte per lo svolgimento dello specifico affare cui era destinato il patrimonio, i relativi creditori possono chiederne la liquidazione mediante lettera raccomandata da inviare alla società entro novanta giorni dal deposito di cui al comma precedente. In tale caso, si applicano esclusivamente le disposizioni sulla liquidazione delle società di cui al capo VIII del presente titolo, in quanto compatibili (1).

Sono comunque salvi, con riferimento ai beni e rapporti compresi nel patrimonio destinato, i diritti dei creditori previsti dall’articolo 2447-quinquies.

La deliberazione costitutiva del patrimonio destinato può prevedere anche altri casi di cessazione della destinazione del patrimonio allo specifico affare. In tali ipotesi ed in quella di fallimento della società si applicano le disposizioni del presente articolo.

Commento

Patrimonio destinato ad uno specifico affare: [v. 2447bis]; Amministratori: [v. 2298]; Sindaci: [v. 2621]; Registro delle imprese: [v. 2188]; Obbligazioni: [v. Libro IV, Titolo I]; Creditori: [v. 2036]; Società (per azioni): [v. Libro V, Titolo V, Capo V]; Liquidazione: [v. 2274]; Fallimento: [v. 2221].

 

 (1) Si è precisato che, in ipotesi di insolvenza del patrimonio separato, si applicano esclusivamente le disposizioni sulla liquidazione del patrimonio stesso previste nel successivo capo VIII, in modo da escludere che il patrimonio separato possa essere dichiarato insolvente e fallire autonomamente rispetto alla società che lo ha creato.

 

Il patrimonio di destinazione viene a cessare quando è raggiunto l’affare, quando lo stesso diventa impossibile o negli altri casi stabiliti nella delibera costitutiva, con applicazione, in quanto compatibili, delle norme dettate in sede di liquidazione della società



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK