Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015

Codice civile Art. 2497-septies codice civile: Coordinamento fra società

Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015



Le disposizioni del presente capo si applicano altresì alla società o all’ente che, fuori dalle ipotesi di cui all’articolo 2497-sexies, esercita attività di direzione e coordinamento di società sulla base di un contratto con le società medesime o di clausole dei loro statuti.


Commento

L’articolo in esame ha lo scopo di dare una migliore collocazione alla disciplina del controllo che interessa rapporti sorti, fuori dall’ambito dell’art. 2497sexies, in base a contratto o previsione statutaria, situazioni che possono nascondere forme di controllo occulto

Giurisprudenza annotata

Coordinamento tra società

La direzione ed il coordinamento di società rappresentano delle "endiadi" il cui tratto caratterizzante è rappresentato dalla direzione unitaria, intesa come esercizio di una pluralità sistematica e costante di incisione sulle scelte gestorie della società subordinata, cioè sulle sue scelte strategiche ed operative di carattere finanziario, industriale, commerciale; direzione e coordinamento, quindi, possono sussistere anche quando l'attività sia esercitata nei confronti di un'unica società; tale potere deve necessariamente essere fondato su contratto tra le due società che vincola la società subordinata al rispetto delle direttive.

Tribunale Pescara  03 febbraio 2009 n. 128  

 

Posto che la relazione contrattuale dalla quale scaturisce attività di direzione e coordinamento di società può essere fonte di responsabilità civile soltanto quando dia luogo a direttive della parte contrattuale forte scorrettamente pregiudizievoli per la parte contrattuale subordinata, va escluso ogni profilo di responsabilità qualora i contratti di affiliazione stipulati non impongano all'affiliata alcuna specifica condotta o alcun irragionevole accordo.

Tribunale Pescara  02 febbraio 2009

 

In tema di abuso di posizione di direzione contrattuale, il rapporto contrattuale di cui all’art. 2497 septies c.c può assumere esterno rilievo giuridico nel caso di responsabilità civile per contrarietà a buona fede soltanto qualora le direttive della parte contrattuale “forte” - in quanto scorrettamente pregiudizievoli per la parte contrattuale “subordinata” - escono dagli altrimenti insindacabili confini dell’autonomia privata e della discrezionalità delle “scelte societarie”.

Tribunale Pescara  16 gennaio 2009

 



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK