Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015

Codice civile Art. 2545-decies codice civile: Trasformazione

Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015



Le società cooperative diverse da quelle a mutualità prevalente (1) possono deliberare, con il voto favorevole di almeno la metà dei soci della cooperativa, la trasformazione in una società del tipo previsto dal titolo V, capi II, III, IV, V, VI e VII, o in consorzio (2).

Quando i soci sono meno di cinquanta, la deliberazione deve essere approvata con il voto favorevole dei due terzi di essi. Quando i soci sono più di diecimila, l’atto costitutivo può prevedere che la trasformazione sia deliberata con il voto favorevole dei due terzi dei votanti se all’assemblea sono presenti, personalmente o per delega, almeno il venti per cento dei soci (3).

All’esito della trasformazione gli strumenti finanziari con diritto di voto sono convertiti in partecipazioni ordinarie, conservando gli eventuali privilegi.

Commento

Società cooperative: [v. 2511]; Cooperative a mutualità prevalente: [v. 2512]; Trasformazione: [v. 2498]; Consorzio: [v. 2602]; Assemblea: [v. 2484]; Strumenti finanziari: [v. 2506ter]; Privilegio: [v. 2745].

 

(1) L’art. 223quaterdecies delle disposizioni transitorie ha previsto la possibilità, anche per le cooperative con le caratteristiche della «mutualità prevalente» di trasformarsi.

Resta confermato il disposto dell’art. 14, l. 17-2-1971, n. 127 che vieta la trasformazione della società cooperativa (da intendersi a mutualità prevalente) in società lucrativa, anche se adottata con delibera unanime [v. 2500octies].

 

(2) La società risultante dalla trasformazione può essere una qualunque società lucrativa e quindi anche una società di persone.

 

(3) La norma prevede delle maggioranze semplificate, ma comunque tali da richiamare l’attenzione sulla importanza deliberazione da adottare.

 

La trasformazione viene disciplinata autonomamente e si consente alle cooperative diverse da quelle a mutualità prevalente di trasformarsi in società lucrative: la limitazione è dettata dall’esigenza di evitare che vengano portati al di fuori del settore cooperativo gli aiuti pubblici ricevuti dallo Stato.

 



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK