codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 2545-septiesdecies codice civile: Scioglimento per atto dell’autorita’

L’autorità di vigilanza, con provvedimento da pubblicarsi nella Gazzetta Ufficiale e da iscriversi nel registro delle imprese, puo’ sciogliere le societa’ cooperative e gli enti mutualistici che non perseguono lo scopo mutualistico o non sono in condizione di raggiungere gli scopi per cui sono stati costituiti o che per due anni consecutivi non hanno depositato il bilancio di esercizio o non hanno compiuto atti di gestione.

Se vi è luogo a liquidazione, con lo stesso provvedimento sono nominati uno o più commissari liquidatori (1) (2).


Commento

Registro delle imprese: [v. 2188]; Scioglimento: [v. 2484]; Enti mutualistici: [v. 2517]; Scopo mutualistico: [v. 2511]; Bilancio: [v. 2478bis]; Liquidazione: [v. 2487]; Commissari liquidatori: [v. 2497].

 

(1) Va sottolineato che il procedimento di liquidazione è necessario ed inderogabile, sicché l’espressione «se vi è luogo a liquidazione» non intende riconoscere la facoltatività della liquidazione, ma tiene presente il caso in cui non sussistano rapporti da definire non avendo la cooperativa esercitato alcuna attività.

 

(2) Gli enti cooperativi che non hanno depositato i bilanci di esercizio da oltre cinque anni, qualora non risulti l’esistenza di valori patrimoniali immobiliari, sono sciolti senza nomina del liquidatore con provvedimento dell’autorità di vigilanza da iscriversi nel registro delle imprese.

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti