codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 2545-ter codice civile: Riserve indivisibili

Sono indivisibili le riserve che per disposizione di legge o dello statuto non possono essere ripartite tra i soci, neppure in caso di scioglimento della società (1).

Le riserve indivisibili possono essere utilizzate per la copertura di perdite solo dopo che sono esaurite le riserve che la società aveva destinato ad operazioni di aumento di capitale e quelle che possono essere ripartite tra i soci in caso di scioglimento della società.


Commento

Riserve: [v. 2430]; Statuto: [v. 2328]; Scioglimento: [v. 2484]; Perdite: [v. 2482bis]; Aumento di capitale: [v. 2481].

 

(1) Nelle cooperative a mutualità prevalente [v. 2512] è espressamente previsto il divieto di distribuire le riserve fra i soci cooperatori [v. 2514].

 

Il legislatore ha previsto un meccanismo di garanzia sull’utilizzazione delle riserve indivisibili che opera attraverso la tassativa elencazione dei casi in cui esse possono essere utilizzate per la copertura delle perdite di esercizio; tale utilizzazione ha natura sussidiaria, in quanto interviene un volta esaurite le eventuali altre diverse riserve costituite per gli aumenti di capitale o vincolate sino allo scioglimento della società.



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti