codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 2586 codice civile: Brevetto per nuovi metodi o processi di fabbricazione

Il brevetto (1) concernente un nuovo metodo o processo di fabbricazione industriale ne attribuisce al titolare l’uso esclusivo.


Commento

(1) L’art. 67, d.lgs. 10-2-2005, n. 30 (Codice proprietà industriale) disciplina il brevetto di procedimento: nel caso di brevetto di procedimento, ogni prodotto identico a quello ottenuto mediante il procedimento brevettato si presume ottenuto, salvo prova contraria, mediante tale procedimento.

 

La norma disciplina le cd. invenzioni di procedimento che, insieme alle invenzioni di prodotto, formano le due grandi categorie in cui è possibile distinguere le invenzioni industriali.

 


Giurisprudenza annotata

Brevetti

Le invenzioni "di processo" e le c.d. invenzioni "d'uso" non implicano alcuna seria modificazione innovativa dello stato della conoscenza circa il prodotto, perché, a parità di caratteristiche per la brevettabilità (novità, attività inventiva e industrialità) e del riferimento allo stato della tecnica (il complesso delle conoscenze, divulgato prima della data di deposito della domanda di brevetto, nel territorio della Repubblica e all'estero), solo l'invenzione "di prodotto" rappresenta il frutto di ricerche ed intuizioni effettivamente originali, tali, cioè, da determinare l'ampliamento della conoscenza e la risposta a quelle esigenze dei consumatori finora non soddisfatte, perché rivolte a dati ancora sconosciuti.

T.A.R. (Lazio) sez. I  18 novembre 2002

 

È di per sè brevettabile la soluzione di un problema tecnico che porti alla realizzazione di un nuovo metodo di analisi della composizione di un semilavorato, analisi da attuarsi nel corso di un procedimento di lavorazione industriale e che determini, a seconda del suo risultato, successivi interventi per adeguare le ulteriori fasi del procedimento alla realtà resa nota dall'analisi.

Cassazione civile sez. I  29 dicembre 1988 n. 7083  

 

Quando la soluzione del problema tecnico in cui consiste l'invenzione già è insita nella impostazione della determinazione del mezzo per conseguire lo scopo voluto e per passare all'attuazione in concreto, non sono necessarie ulteriori innovazioni a livello inventivo potendovicisi giungere con strumenti o dispositivi già noti o ancora ignoti, ma realizzabili facendo ricorso a ciò che risulta in modo evidente dallo stato della tecnica, l'invenzione è brevettabile se la soluzione ha di per sè carattere inventivo, irrilevante essendo la presenza o assenza di livello inventivo nello strumento o dispositivo indicato come mezzo più o meno fungibile per l'attuazione pratica dell'invenzione.

Cassazione civile sez. I  29 dicembre 1988 n. 7083

 

Un nuovo metodo di analisi della composizione di un semilavorato è brevettabile, quale soluzione di un problema tecnico rivolto a soddisfare interessi della produzione industriale, ove si tratti di analisi da attuarsi nel corso del procedimento di fabbricazione, e che determini, a secondo del suo risultato, adeguamenti o modificazioni delle successive fasi del procedimento stesso (nella specie, metodo di analisi della percentuale di carbonio nella ghisa, da conoscersi per stabilire le variazioni occorrenti prima di passare alla colata).

Cassazione civile sez. I  29 dicembre 1988 n. 7083  

 

Qualora la soluzione di un problema tecnico-industriale abbia carattere inventivo, con riguardo alla individuazione del metodo per conseguire un determinato scopo, la brevettabilità della soluzione stessa deve essere riconosciuta indipendentemente dal fatto che abbia quel carattere inventivo pure lo strumento o dispositivo indicato dall'ideatore per la sua attuazione pratica.

Cassazione civile sez. I  29 dicembre 1988 n. 7083  

 

In tema di brevetti per invenzioni industriali, la brevettabilità della soluzione nuova di un problema tecnico, con soddisfacimento di un interesse tipicamente industriale, deve essere riconosciuta indipendentemente dal fatto che la soluzione stessa sia attuabile direttamente ed immediatamente, con la sola applicazione di un principio scientifico alla tecnica industriale, senza il tramite di una specifica entità materiale quale supporto fisico, considerando che anche in tal caso, oggetto del brevetto non è il principio scientifico in sè, ma resta la suddetta soluzione del problema tecnico-industriale, quale indicata dall'ideatore-inventore in applicazione del principio scientifico da lui scoperto od elaborato.

Cassazione civile sez. I  29 dicembre 1988 n. 7083  

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti