Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015

Codice civile Art. 2685 codice civile: Altri atti soggetti a trascrizione

Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015



Si devono trascrivere le divisioni e gli altri atti menzionati nell’articolo 2646, la costituzione del fondo patrimoniale e gli altri atti menzionati nell’articolo 2647, l’accettazione dell’eredità e l’acquisto del legato che importano acquisto dei diritti indicati dai numeri 1 e 2 dell’articolo 2684 o liberazione dai medesimi.

La trascrizione ha gli effetti stabiliti per i beni immobili.

Commento

Divisioni: [v. 713, 1113]; Fondo patrimoniale: [v. 167]; Eredità: [v. 457]; Legato: [v. 649]; Trascrizione: [v. Libro VI, Titolo I, Capo III].

Giurisprudenza annotata

Fondo patrimoniale

La costituzione del fondo patrimoniale è opponibile ai terzi solo in quanto sia stata annotata a margine dell'atto di matrimonio, restando irrilevante la conoscenza che i terzi abbiano acquisito altrimenti del vincolo di indisponibilità.

Cassazione civile sez. un.  13 ottobre 2009 n. 21658  

 

La costituzione del fondo patrimoniale di cui all'art. 167 c.c. è soggetta alle disposizioni dell'art. 162 c.c. circa la forma delle convenzioni matrimoniali, ivi incluso il comma 3, che ne condiziona l'opponibilità ai terzi all'annotazione del relativo contratto a margine dell'atto di matrimonio, mentre la trascrizione del vincolo per gli immobili, ai sensi dell'art. 2647 c.c., resta degradata a mera pubblicità-notizia, inidonea ad assicurare l'opponibilità in questione, e non sopperisce al difetto dell'annotazione nei registri dello stato civile, che non ammette deroghe od equipollenti, restando irrilevante la conoscenza che i terzi possano avere acquisito, altrimenti, della costituzione del fondo. Ne consegue che, in mancanza di annotazione del fondo a margine dell'atto di matrimonio, il fondo non è opponibile ai creditori che abbiano iscritto ipoteca sui beni del fondo, essendo irrilevante, a tale effetto, la trascrizione del fondo nei registri della Conservatoria dei beni immobili.

Cassazione civile sez. I  25 marzo 2009 n. 7210  

 

La costituzione del fondo patrimoniale è opponibile ai terzi solo in quanto sia stata annotata a margine dell'atto di matrimonio, in quanto la trascrizione imposta per gli immobili dall'art. 2647 c.c. risponde ad una funzione di pubblicità-notizia e non sopperisce al difetto di annotazione nei registri dello stato civile, che non ammette deroghe o equipollenti, restando irrilevante la conoscenza che i terzi abbiano acquisito altrimenti del vincolo di indisponibilità.

Cassazione civile sez. I  25 marzo 2009 n. 7210  

 

Va rimessa alle sezioni unite la questione della qualificabilità del fondo patrimoniale come convenzione matrimoniale e della conseguente necessità dell'annotazione dell'atto istitutivo a margine dell'atto di matrimonio, come condizione di opponibilità ai terzi del vincolo conseguente.

Cassazione civile sez. II  27 ottobre 2008 n. 25857  

 

In mancanza di annotazione del fondo patrimoniale a margine dell'atto di matrimonio, il vincolo che ne deriva non è opponibile ai terzi creditori. Conferma App. Roma, 31 luglio 2003

Cassazione civile sez. I  16 novembre 2007 n. 23745  

 



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK