codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 2762 codice civile: Privilegio del venditore di macchine

Chi ha venduto macchine per un prezzo superiore a lire trentamila ha privilegio per il prezzo non pagato sulle macchine vendute e consegnate, anche se sono incorporate o congiunte all’immobile di proprietà del compratore o di un terzo.

Il privilegio è subordinato alla trascrizione (1) dei documenti, dai quali la vendita e il credito risultano, nel registro indicato dal secondo comma dell’art. 1524. La trascrizione è eseguita presso il tribunale nella giurisdizione del quale è collocata la macchina.

Il privilegio dura per un triennio dalla data della vendita e ha effetto fino a quando la macchina si trova in possesso del compratore nel luogo dove e’ stata eseguita la trascrizione, salvo il caso di sottrazione fraudolenta (2).

Il privilegio stabilito in questo articolo spetta anche alle banche autorizzate all’esercizio di prestiti con garanzia sul macchinario, le quali abbiano anticipato al compratore il prezzo per l’acquisto. Il privilegio sussiste a condizione che il documento rilasciato a prova della sovvenzione indichi lo scopo, l’ammontare e la scadenza del credito, contenga l’esatta designazione della macchina soggetta al privilegio e sia trascritto a norma del secondo comma di questo articolo.

Se il privilegio della banca concorre con quello del venditore, è preferito il creditore che ha trascritto per primo.


Commento

Trascrizione: [v. Libro VI, Titolo I]; Garanzia: [v. 1179].

 

Incorporazione: si intende l’inclusione della macchina in un unico bene complesso.

 

Fraudolenta (azione): si dice di azione volta ad ingannare l’altrui buona fede.

 

(1) La trascrizione, in tal caso, avendo efficacia costitutiva e non già dichiarativa, non opera retroattivamente. Ne consegue che il privilegio non può aver effetto in pregiudizio della massa fallimentare o dei creditori pignoranti ed intervenuti nella procedura esecutiva, ove la trascrizione sia stata eseguita dopo il pignoramento o dopo la pronuncia della sentenza dichiarativa di fallimento.

 

(2) L’espressione «sottrazione fraudolenta» deve essere intesa nella sua accezione più ampia, comprensiva di ogni forma di sottrazione dolosa (furto, semplice o aggravato).

 


Giurisprudenza annotata

Fallimento

In tema di azione revocatoria fallimentare, l'espressione, adoperata dall'art. 67, comma 2, l. fall., secondo cui sono revocabili, fra l'altro, gli atti "costitutivi di un diritto di prelazione per debiti contestualmente creati", si riferisce al caso in cui il diritto di prelazione sorga come effetto giuridico di un atto negoziale diretto a crearlo e, quindi, esclusivamente come effetto di una dichiarazione di volontà delle parti e non per diretta volontà della legge, come avviene per le ipoteche ed i privilegi legali. Ne consegue che non è revocabile il privilegio speciale del venditore di cui all'art. 2762 c.c., atteso che il creditore ha diritto alla prelazione sin dal momento in cui sorge il suo credito ed in virtù di una valutazione legale relativa alla causa, mentre l'attività del creditore diretta alla trascrizione del titolo ha il solo scopo di rendere opponibile il privilegio agli altri creditori.

Cassazione civile sez. I  28 maggio 2003 n. 8544  

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti