codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 2819 codice civile: Sentenze arbitrali

Si può iscrivere ipoteca in base al lodo degli arbitri, quando è stato reso esecutivo (1).


Commento

Arbitri: soggetti cui possono ricorrere le parti interessate per sottrarre alla giurisdizione ordinaria la decisione di una lite, realizzando così una sorta di giustizia privata. È sempre lo Stato, comunque, che attribuisce alla decisione privata il carattere giurisdizionale, cioè il carattere di sentenza [v. 2961].

 

Lodo: decisione degli arbitri, redatta per iscritto, in ordine alla controversia della cui risoluzione sono stati incaricati dalle parti interessate.

 

Esecutività: attitudine di un atto, sostanziale o processuale, ad avere efficacia giuridica: il lodo diviene esecutivo in seguito ad accertamento del tribunale.

 

(1) Il lodo cui si riferisce la norma deve essere emesso in sede di arbitrato rituale ed avere ad oggetto una condanna.


Giurisprudenza annotata

Sentenze arbitrali

Si deve confermare il condivisibile orientamento interpretativo di questo Consiglio, che, già con riguardo al quadro normativo anteriore all'entrata in vigore c. proc. amm., ha ritenuto ammissibile la proposizione del rimedio dell'ottemperanza anche ai fini dell'esecuzione del lodo arbitrale dichiarato esecutivo ("ex plurimis", Consiglio di Stato, sez. V, 12 ottobre 2009 n. 6241; idem, 12 novembre 2001 n. 5788; idem, 1 marzo 2000 n. 1089). Ad avviso di detto indirizzo ermeneutico, "il lodo arbitrale, già di per sé idoneo ad acquistare l'efficacia di cosa giudicata, una volta reso esecutivo con decreto del pretore, è titolo esecutivo nel territorio della Repubblica ai sensi dell'art. 474 c.p.c. e costituisce presupposto per l'iscrizione dell'ipoteca giudiziale ex art. 2819 c.c. nonché titolo per la trascrizione o l'annotazione nei registri immobiliari e, come tale, è suscettibile di formare oggetto del giudizio d'ottemperanza". Il nuovo c. proc. amm. ha consacrato detta equiparazione prevedendo "expressis verbis", all'art. 112, comma 1, lett. e), la proponibilità del rimedio dell'ottemperanza anche ai fini dell'esecuzione dei lodi arbitrali esecutivi divenuti inoppugnabili. Deve quindi reputarsi ammissibile il ricorso per ottemperanza ai fini dell'esecuzione del lodo che qui viene in rilievo, che presenta i requisiti richiesti dalla giurisprudenza e confermati dalla sopravvenuta disciplina codicistica.

Consiglio di Stato sez. V  28 aprile 2011 n. 2542  

 

Il lodo arbitrale rituale non ha natura di pronuncia giurisdizionale ma ha l'attitudine ad acquisire l'efficacia del giudicato. Inoltre il lodo, nel caso di specie dichiarato esecutivo, è idoneo ad essere eseguito nel territorio della Repubblica. Esso costituisce titolo esecutivo ex art. 474 c.p.c., ed è presupposto idoneo per l'iscrizione dell'ipoteca giudiziale, in base all'espressa previsione dell'art. 2819 c.c. nonché titolo per la trascrizione od annotazione sui registri immobiliari.

T.A.R. (Sardegna)  19 aprile 2001 n. 417  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti