codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 2867 codice civile: Terzo debitore di somma in dipendenza dell’acquisto

Se il terzo acquirente, che ha trascritto il suo titolo, è debitore, in dipendenza dell’acquisto, di una somma attualmente esigibile, la quale basti a soddisfare tutti i creditori iscritti contro il precedente proprietario, ciascuno di questi può obbligarlo al pagamento (1).

Se il debito del terzo non è attualmente esigibile, o è minore o diverso da ciò che è dovuto ai detti creditori, questi, purchè di comune accordo, possono egualmente richiedere che venga loro pagato, fino alla rispettiva concorrenza, ciò che il terzo deve nei modi e termini della sua obbligazione (2).

Nell’uno e nell’altro caso l’acquirente non può evitar di pagare, offrendo il rilascio dell’immobile, ma, eseguito il pagamento, l’immobile è liberato da ogni ipoteca, non esclusa quella che spetta all’alienante, e il terzo ha diritto di ottenere che si cancellino le relative iscrizioni (3).


Commento

Somma esigibile: credito di cui si può chiedere il pagamento perché non sottoposto né a termine né a condizione.

 

(1) L’ipotesi prevista dalla norma è quella della cd. purgazione coattiva delle ipoteche. Questa si ottiene attraverso il pagamento diretto, di quanto dovuto dal terzo acquirente, ai creditori iscritti. Ciò può verificarsi allorché il terzo acquirente sia in debito nei confronti dell’alienante per una somma che possa soddisfare tutti i creditori iscritti contro il proprietario precedente.

 

(2) Diversa è l’ipotesi di cui al comma 2, laddove si prevede che i creditori debbano accordarsi al fine di obbligare il terzo al pagamento.

 

(3) Dopo il pagamento, l’immobile è liberato dalle ipoteche. Qualora il terzo non paghi, i creditori iscritti potranno agire su tutti i suoi beni e non solo su quello ipotecato.



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti