codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 2875 codice civile: Eccesso nel valore dei beni

Si reputa che il valore dei beni ecceda la cautela da somministrarsi, se tanto alla data dell’iscrizione dell’ipoteca, quanto posteriormente, supera di un terzo l’importo dei crediti iscritti, accresciuto degli accessori a norma dell’art. 2855.


Giurisprudenza annotata

Eccesso di cautela

Non è configurabile eccesso di cautela se non in quanto il valore degli immobili superi in misura notevole (oltre il terzo secondo l'art. 2875 c.c.) l'importo del credito e dei relativi accessori.

Corte Conti reg. (Puglia) sez. giurisd.  22 gennaio 2003 n. 2  

 

Il creditore che abbia iscritto ipoteca per una somma eccessiva rispetto al credito vantato è responsabile nei confronti del debitore per i danni conseguenti tale condotta.

Cassazione civile sez. III  04 aprile 2001 n. 4968

 

L'obbligo del creditore di concedere la restrizione dell'ipoteca nel caso in cui l'abbia iscritta su un numero eccessivo di immobili del debitore non implica la sua responsabilità extra contrattuale.

Cassazione civile sez. III  04 aprile 2001 n. 4968  

 

La determinazione dei beni sui quali deve essere ristretta l'iscrizione ipotecaria, nell'ipotesi in cui i beni in essa compresi abbiano un valore eccedente la cautela all'uopo richiesta, è rimessa all'apprezzamento discrezionale del giudice di merito, il quale deve peraltro assolvere il compito affidatogli indicando i motivi delle sue determinazioni e le ragioni per la quali eventualmente disattende le deduzioni del creditore e accoglie quelle del debitore.

Cassazione civile sez. II  21 febbraio 1978 n. 837  

 

La restrizione dell'iscrizione ipotecaria tende a ricondurre la garanzia specifica in cui si concreta l'ipoteca, nell'ambito della cautela che attraverso essa deve essere somministrata al creditore a cui è preordinata la relativa iscrizione, senza con ciò derogare al generale principio secondo cui il debitore risponde dell'adempimento con tutti i suoi beni presenti e futuri.

Cassazione civile sez. II  21 febbraio 1978 n. 837  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti