codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 2886 codice civile: Formalità per la cancellazione

Chi richiede la cancellazione totale o parziale deve presentare al conservatore l’atto su cui la richiesta è fondata (1).

La cancellazione di un’iscrizione o la rettifica deve essere eseguita in margine all’iscrizione medesima, con l’indicazione del titolo dal quale è stata consentita od ordinata e della data in cui si esegue, e deve portare la sottoscrizione del conservatore (2).


Commento

Rettifica: negozio unilaterale recettizio mediante il quale la parte non in errore rende definitivamente efficace l’atto modificandone il contenuto conformemente all’originario intento della controparte.

 

(1) La richiesta di cancellazione deve risultare da atto scritto. Il titolo su cui la richiesta si fonda deve essere consegnato al conservatore [v. 2658]. Le spese della cancellazione gravano sui richiedenti la cancellazione, in genere il debitore.

 

(2) La cancellazione rappresenta una formalità integrante una fattispecie di pubblicità. La rettifica non si identifica con la cancellazione parziale. Si ritiene che quest’ultima ricorra nel caso di riduzione del vincolo ipotecario, mentre la rettifica ricorra nell’ipotesi prevista dall’art. 2841.


Giurisprudenza annotata

Formalità per la cancellazione

In tema di cancellazione delle ipoteche l'art. 2886 c.c. non prevede un ulteriore strumento giuridico per ottenere la cancellazione che prescinda dal formale consenso delle parti interessate (art. 2882 c.c.) ovvero dalla sentenza passata in giudicato od altro provvedimento definitivo emesso dalle autorità competenti (art. 2884 c.c.), ma si limita ad indicare le formalità per la cancellazione prescrivendo che chi la richiede deve presentare al conservatore l'atto su cui la richiesta è fondata e cioè la dichiarazione di consenso o la sentenza (o altro provvedimento) di cui agli art. 2882 e 2884 c.c.

Cassazione civile sez. I  26 luglio 1994 n. 6958  

 

In tema di cancellazione delle ipoteche, l'art. 2886 c.c. non prevede un ulteriore strumento giuridico per ottenere la cancellazione, che prescinda dal formale consenso delle parti interessate (art. 2882 c.c.) ovvero dalla sentenza passata in giudicato od altro provvedimento definitivo emesso dalle autorità competenti (art. 2884 c.c.), ma si limita ad indicare le formalità per la cancellazione, prescrivendo che chi la richiede deve presentare al conservatore l'atto su cui la richiesta è fondata, e cioè la dichiarazione di consenso o la sentenza (o altro provvedimento) di cui agli artt. 2882 e 2884 c.c..

Cassazione civile sez. I  26 luglio 1994 n. 6958

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti