codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 2950 codice civile: Prescrizione del diritto del mediatore

Si prescrive in un anno il diritto del mediatore al pagamento della provvigione (1).


Commento

Mediatore: [v. 1760].

 

Provvigione: forma di retribuzione consistente in una percentuale sugli affari conclusi dal prestatore, nei casi in cui l’oggetto della prestazione consista nella trattazione di affari in nome e per conto del datore di lavoro.

 

(1) Nel caso di specie, la provvigione è il compenso che spetta al mediatore per aver messo in contatto le parti che intendono concludere il contratto. La prescrizione prevista dall’articolo riguarda unicamente la provvigione (e non anche altri diritti ugualmente spettanti al mediatore: ad esempio, il rimborso spese).


Giurisprudenza annotata

Prescrizione del diritto del mediatore alla provvigione

La provvigione del mediatore per la compravendita immobiliare deve essere parametrata al reale valore dell'affare e non al prezzo dichiarato dalle parti. E se la conclusione del negozio è stata dolosamente occultata al mediatore, la prescrizione del suo diritto alla provvigione decorre da quanto ha avuto notizia della vendita.

Cassazione civile sez. III  21 novembre 2011 n. 24444  

 

In tema di sospensione della prescrizione di un diritto, l'occultamento doloso è requisito diverso e più grave della mera omissione di un'informazione, la quale ha rilievo, ai fini della detta sospensione, soltanto se sussista un obbligo di informare; né il doloso occultamento può ritenersi implicito nella mancata registrazione o trascrizione di un contratto, trattandosi certamente di adempimenti doverosi, in quanto previsti da norme, anche se per finalità estranee ai rapporti tra privati, e tali da poter, in ipotesi, agevolare la conoscenza del contratto da parte dei terzi, ma inidonei, di per sé, a dimostrare il doloso occultamento della data del contratto o di altri fatti produttivi di diritti altrui. (Nella specie la S.C. ha confermato la decisione della corte di merito che, in tema di mediazione, aveva dichiarato prescritto il diritto alla provvigione, non avendo il mediatore dimostrato il doloso occultamento della conclusione del contratto e non sussistendo alcun obbligo del contraente di comunicare tale conclusione al mediatore).

Cassazione civile sez. III  29 gennaio 2010 n. 2030  

 

Il professionista che vanti verso il fallito un credito per il compenso dell'opera prestata prima della dichiarazione di fallimento può deferire al curatore il giuramento previsto dall'art. 2950 c.c. qualora nel giudizio di opposizione allo stato passivo instaurato per l'accertamento della sussistenza del debito concorsuale, questi gli opponga la prescrizione presuntiva ex art. 2956 n. 2, c.c. E ciò perché il curatore condivide la posizione di terzietà, rispetto al fatto da provare.

Tribunale Palermo  04 novembre 2004

 

L'attività di ricerca e di selezione del personale, disciplinata dal d.lg. n. 469 del 1997, costituisce non un'ipotesi atipica bensì un'ipotesi tipica di mediazione tra domanda ed offerta di lavoro, per cui, in difetto di differenti disposizioni, è applicabile la norma dettata in tema di prescrizione dall'art. 2950 c.c. riguardo al credito del mediatore sulla provvigione.

Tribunale Milano  01 luglio 2004

 

La prescrizione annuale del diritto del mediatore al pagamento della provvigione (art. 2950 c.c.) comincia a decorrere, a norma dell'art. 2935 c.c., dalla data della conclusione dell'affare, poiché è da questo momento che il diritto può essere fatto valere (art. 1755 c.c.).

Cassazione civile sez. III  05 maggio 1994 n. 4333  

 

La differenza tra il rapporto di mediazione e quello, atipico, di procacciamento di affari sta nell'imparzialità del mediatore, il quale può pretendere la provvigione da entrambi le parti del negozio principale, a fronte della parzialità del procacciatore, il quale riveste l'incarico, e può pretendere la provvigione, da una sola parte; dalla diversità di tali rapporti deriva che al procacciatore di affari non si applica la prescrizione breve di cui all'art. 2950 c.c.

Pretura Monza  19 dicembre 1986

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti