codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 2954 codice civile: Prescrizione di sei mesi

Si prescrive in sei mesi il diritto degli albergatori e degli osti per l’alloggio e il vitto che somministrano, e si prescrive nello stesso termine il diritto di tutti coloro che danno alloggio con o senza pensione.


Commento

Albergatore: [v. 1783].

 

Oste: colui che gestisce un locale pubblico con mescita di vino e servizio di trattoria.

 

Il requisito per l’individuazione delle categorie di cui alla prima parte della norma è la professionalità dell’esercizio della relativa attività.

Criterio per individuare la categoria residuale cui fa riferimento la seconda parte della norma è l’affinità del servizio prestato da tali soggetti a quello tipicamente offerto dagli albergatori e dagli osti: non rientrano, pertanto, nella previsione coloro che affittano o subaffittano un immobile senza fornire le prestazioni accessorie proprie di un albergo.

 


Giurisprudenza annotata

 

Prescrizione di sei mesi

Nella prescrizione presuntiva il debitore, eccipiente, deve provare soltanto il decorso del termine previsto dalla legge, mentre il creditore ha l'onere di dimostrare la mancata soddisfazione del credito. Quest'ultima prova può essere fornita solo con il deferimento del giuramento decisorio, oppure avvalendosi dell'ammissione, fatta in giudizio dallo stesso debitore, che l'obbligazione non è stata estinta.

Cassazione civile sez. II  15 aprile 2014 n. 8735  

 

In tema di prescrizione presuntiva, l'affermazione del debitore in ordine all'insussistenza della obbligazione di pagamento (nella specie, il compenso spettante ad un professionista per la sua opera) è inconciliabile con la proposizione della relativa eccezione e vale come ammissione della mancata estinzione di essa. Rigetta, App. Napoli, 21/04/2006

Cassazione civile sez. II  02 dicembre 2013 n. 26986  

 

Le prescrizioni presuntive, trovando fondamento e ragione esclusivamente in quei rapporti che si instaurano senza formalità ed in relazione ai quali il pagamento suole avvenire senza dilazione né rilascio di quietanza scritta, non possono operare nell'ipotesi in cui il credito fatto valere tragga origine da un contratto stipulato in forma scritta, proprio perché i rapporti risultanti da scritture non si possono ricomprendere fra quelli in cui è d'uso comune l'immediato pagamento.

Tribunale Nocera Inferiore sez. II  23 ottobre 2013 n. 1200  

 

L'eccezione di prescrizione presuntiva e l'eccezione di prescrizione estintiva non sono reciprocamente fungibili, nè rappresentano espressioni di un'attività difensiva sostanzialmente unitaria, costituendo, invece, rispettivamente, una difesa fondata su una mera presunzione legale di avvenuta estinzione del diritto azionato dalla controparte e una difesa volta a determinare l'estinzione dell'avverso diritto. Ne consegue che, proposta originariamente la prima, non è consentito alla stessa parte invocare in suo luogo, nel corso del giudizio di rinvio, la seconda, o viceversa. Rigetta, App. Firenze, 07/01/2010

Cassazione civile sez. III  26 agosto 2013 n. 19545  

 

La prescrizione ordinaria e la prescrizione presuntiva sono istituti ontologicamente diversi; da ciò discende che l'espressa invocazione dell'una non è implicitamente estensibile all'altra, ma è necessaria una formulazione distinta per ciascuna di esse.

Cassazione civile sez. II  31 ottobre 2011 n. 22649  

 

La prova liberatoria per il superamento della presunzione di cui al comma 2 dell'art. 2954 c.c. non necessariamente deve essere fornita in modo diretto, dimostrando di non aver arrecato apporto causale alla produzione dell'incidente, ma può anche risultare indirettamente tramite l'accertamento del collegamento eziologico esclusivo dell'evento dannoso con il comportamento dell'altro conducente.

Cassazione civile sez. III  22 aprile 2009 n. 9550  

 

In tema di prescrizione presuntiva, mentre il debitore, eccipiente, è tenuto a provare il decorso del termine previsto dalla legge, il creditore ha l'onere di dimostrare la mancata soddisfazione del credito, e tale prova può essere fornita soltanto con il deferimento del giuramento decisorio, ovvero avvalendosi dell'ammissione, fatta in giudizio dallo stesso debitore, che l'obbligazione non è stata estinta.

Cassazione civile sez. III  15 maggio 2007 n. 11195  

 

Le prescrizioni brevi, (che sono alternative alla prescrizione decennale ordinaria, pur avendo il medesimo fondamento dell'inerzia e del mero decorso del tempo, e comportano l'estinzione del credito senza possibilità di prova del mancato pagamento) e le prescrizioni presuntive, (che si fondano invece sulla presunzione di pagamento, secondo gli usi correnti, possono essere vinte dalla prova contraria e non sono incompatibili con l'ammissione del debitore di non avere estinto il debito ovvero la contestazione della sua esistenza) sono entrambe applicabili al rapporto di lavoro subordinato, salva la diversa decorrenza in funzione della stabilità o meno del rapporto stesso.

Cassazione civile sez. lav.  19 marzo 2004 n. 5563  

 

Pur se non è da ritenere che anche le sanzioni edilizie punitive (al pari di quelle ripristinatorie) siano ontologicamente insuscettibili di assoggettamento ai termini prescrizionali deve, quanto meno ammettersi, in difetto di specifiche disposizioni di legge (nè essendo il credito relativo alle sanzioni riconducibile, con ogni evidenza, alle fattispecie disciplinate dagli art. 2947, 2948, 2954 e 2956 c.c.), che trovi applicazione il termine ordinario di prescrizione decennale di cui all'art. 2946 c.c.

T.A.R. Bari (Puglia) sez. II  18 gennaio 2000 n. 175  

 

L'eccezione di chi oppone la prescrizione nei casi indicati dall'art. 2956 c.c. (così come negli altri casi di prescrizione presuntiva di cui agli art. 2954 e 2955) va rigettata se vi sia stata ammissione, anche implicita, in giudizio che l'obbligazione non è stata estinta: la linea difensiva volta a dimostrare che la prestazione non era dovuta è incompatibile con l'affermazione dell'avvenuto pagamento e, quindi, si pone in contrasto con l'eccezione di prescrizione presuntiva.

Corte appello Milano  14 gennaio 2000

 

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti