codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 372 codice civile: Investimento di capitali

I capitali del minore devono, previa autorizzazione del giudice tutelare, essere dal tutore investiti:

1) in titoli dello Stato o garantiti dallo Stato;

2) nell’acquisto di beni immobili posti nel Regno;

3) in mutui garantiti da idonea ipoteca sopra beni posti nel Regno, o in obbligazioni emesse da pubblici istituti autorizzati a esercitare il credito fondiario;

4) in depositi fruttiferi presso le casse postali o presso altre casse di risparmio o monti di credito su pegno. Il giudice, sentito il tutore e il protutore, può autorizzare il deposito presso altri istituti di credito, ovvero, per motivi particolari, un investimento diverso da quelli sopra indicati.


Commento

La norma ha lo scopo di garantire che i capitali del minore, dopo essere stati sottoposti ad inventario, siano utilizzati in modo produttivo e sicuro, evitando operazioni economiche rischiose o possibili frodi.


Giurisprudenza annotata

Potestà genitoriale

Alla luce dell'art. 337 c.c., il g.t. deve rispettare la decisione sulla potestà resa dal giudice della separazione. Pur in presenza di una statuizione del giudice della separazione che affermi la possibilità per uno dei coniugi di portare in viaggio, con sé, i figli anche in Paesi non europei senza alcuna limitazione, il g.t. ed il T.m., in sede di reclamo, possono, ai fini dell'autorizzazione al rilascio del passaporto, effettuare una valutazione in merito alla pericolosità del viaggio da intraprendere.

Tribunale minorenni Bologna  20 ottobre 2013

 

 

Tutela e curatela

Il giudice tutelare difetta di giurisdizione in ordine alla emissione di un provvedimento con il quale, su istanza dei genitori di un minore, si ordini alla pubblica amministrazione (nella specie, il provveditore agli studi) di iscrivere il minore in un istituto scolastico, piuttosto che in altro; avverso tale provvedimento del g.t. è, peraltro, legittimato a proporre reclamo il p.m. presso il tribunale per i minorenni e non il p.m. presso il tribunale ordinario.

Tribunale minorenni L'Aquila  22 giugno 1993



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti