codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 570 codice civile: Successione dei fratelli e delle sorelle

A colui che muore senza lasciare prole, né genitori, né altri ascendenti, succedono i fratelli e le sorelle (1) in parti uguali.

I fratelli e le sorelle unilaterali conseguono però la metà della quota che conseguono i germani (2).


Commento

Unilaterali: si dice di fratelli e sorelle figli di una stessa madre, ma di diverso padre (uterini), oppure figli di uno stesso padre ma di madre diversa (consanguinei).

Germani: si dice di fratelli e sorelle nati dagli stessi genitori.

 

(1) Per effetto della riforma della filiazione (l. 219/2012 e d.lgs. 154/2013) che ha equiparato filiazione legittima e filiazione naturale, i fratelli naturali sono parificati ai fratelli legittimi e sono considerati a tutti gli effetti successori legittimi.

 

(2) È questo il sistema della cd. quota di fatto, che corrisponde a quanto viene effettivamente conseguito, a differenza della cd. quota di diritto, che si basa su percentuali predeterminate. Il relativo calcolo va fatto dividendo l’eredità per un numero pari alla somma dei fratelli unilaterali e dei germani raddoppiato.

 

 


Giurisprudenza annotata

Successione

È manifestamente inammissibile, riguardando norma già dichiarata costituzionalmente illegittima, "in parte qua" (con sent. n. 55 del 1979), la questione di legittimità costituzionale dell'art. 565 c.c., denunciato in riferimento agli art. 3 e 30 comma 3 cost., in quanto esclude dalla reciproca successione i figli naturali della stessa persona, disponendo che l'eredità sia devoluta allo Stato.

Corte Costituzionale  26 marzo 1990 n. 150  

È manifestamente inammissibile, per difetto di rilevanza, la questione di legittimità costituzionale degli art. 570 e 572 c.c. Tali norme sono state impugnate, unitamente all'art. 565 c.c., in relazione all'art. 586 (nel testo del 1942), in quanto escludono dalla reciproca successione i figli naturali della stessa persona, disponendo che l'eredità sia devoluta allo Stato. Ma gli art. 570 e 572 risultano estranei all'oggetto del giudizio, regolando rispettivamente la successione tra fratelli legittimi e la successione degli altri parenti collaterali entro il VI grado, venendo a mancare il necessario carattere di pregiudizialità rispetto alla definizione del giudizio principale.

Corte Costituzionale  26 marzo 1990 n. 150  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti