Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015

Codice civile Art. 596 codice civile: Incapacità del tutore e del protutore

Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015



Sono nulle le disposizioni testamentarie della persona sottoposta a tutela in favore del tutore, se fatte dopo la nomina di questo e prima che sia approvato il conto o sia estinta l’azione per il rendimento del conto medesimo, quantunque il testatore sia morto dopo l’approvazione. Questa norma si applica anche al protutore, se il testamento è fatto nel tempo in cui egli sostituiva il tutore.

Sono però valide le disposizioni fatte in favore del tutore o del protutore che è ascendente, discendente, fratello, sorella o coniuge del testatore (1).

Commento

(1) Si parla in questo caso di incapacità relativa a succedere, per indicare l’impossibilità per alcuni soggetti (tutore, protutore, notaio, testimoni e chi ha scritto o ricevuto il testamento segreto) non di succedere in assoluto, ma solo nei confronti dell’autore del testamento cui hanno partecipato ed in forza di disposizioni contenute in quel testamento.

 

 

 



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK