codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 73 codice civile: Estinzione dei diritti spettanti alla persona di cui è stata dichiarata la morte presunta

Se la persona di cui e stata dichiarata la morte presunta ritorna o ne è provata l’esistenza al momento dell’apertura della successione, essa o i suoi eredi o aventi causa possono esercitare la petizione di eredità e far valere ogni altro diritto, ma non possono recuperare i beni se non nello stato in cui si trovano, e non possono ripetere che il prezzo di quelli alienati, quando e’ ancora dovuto, o i beni nei quali esso è stato investito, salvi gli effetti della prescrizione o dell’usucapione (1).

Si applica la disposizione del secondo comma dell’art. 71.


Commento

Apertura della successione: [v. 456]; Prescrizione: [v. 2934]; Usucapione: [v. Libro III, Titolo VIII, Capo II, Sez. III].

 

 

(1) Se il soggetto dichiarato morto ritorna o ne è provata l’esistenza viene meno automaticamente la devoluzione dell’eredità prevista dall’art. 72.


Giurisprudenza annotata

Filiazione

È rilevante, e non manifestamente infondata, in riferimento agli art. 2, 3, 29 cost., la questione di legittimità costituzionale degli art. 73 ordinamento dello stato civile, 6, 143 bis, 236, 237 comma 2 e 262 comma 2 c.c., nella parte in cui non prevedono la facoltà per la madre di trasmettere il proprio cognome ai figli legittimi, e per questi di assumere anche il cognome materno.

Tribunale Lucca  09 ottobre 1987

 

Espropriazione

Il risarcimento del danno spettante al proprietario di un fondo, a seguito della perdita del diritto dominicale su una porzione del medesimo per effetto della sua occupazione ed irreversibile acquisizione nella realizzazione di opera pubblica, non può includere il rimborso delle spese occorrenti per la recinzione dell'area residua, ove non si deduca e dimostri che tale recinzione si renda necessaria a causa di detta opera pubblica, in relazione ad una modificazione dello stato dei luoghi, che implichi il pericolo di immissioni nuove o più gravi di quelle originarie, non altrimenti prevenibili.

Cassazione civile sez. I  30 luglio 1984 n. 4553  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti