codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 77 codice civile: Limite della parentela

La legge non riconosce il vincolo di parentela oltre il sesto grado (1), salvo che per alcuni effetti specialmente determinati (2).


Commento

(1) La norma pone la regola generale per cui i rapporti di parentela oltre il sesto grado non hanno rilevanza giuridica.

(2) Nell’ordinamento si ravvisano eccezioni che ampliano o restringono la portata di questa norma: da un lato, ad esempio, l’art. 87, n. 1, prevede l’impedimento al matrimonio fra parenti in linea retta all’infinito; dall’altro lato, sono legittimati a promuovere il giudizio di interdizione o di inabilitazione i parenti entro il quarto grado.


Giurisprudenza annotata

Filiazione

Nelle controversie concernenti la dichiarazione giudiziale della paternità o maternità naturale, i soggetti attivamente e passivamente legittimati non possono conferire ad altri il potere di stare in giudizio in loro nome e conto, in quanto la rappresentanza negoziale è inammissibile in relazione a diritti indisponibili. Ciò vale tanto per il giudizio di cognizione piena, disciplinato dall'art. 269 c.c., che per quello preliminare, regolato dall'art. 274, il quale, pur essendo processualmente autonomo e pur avendo un diverso "petitum" immediato, ha, rispetto al primo, identica "causa petendi", attinente al rapporto di filiazione che, attraverso la verifica di ammissibilità dell'azione ed il successivo accertamento di merito, si tende ad instaurare, ed è, per ciò solo, non estraneo ai rapporti di stato e partecipe del divieto di rappresentanza volontaria di cui all'art. 77 c.p.c.

Cassazione civile sez. I  01 agosto 2003 n. 11727  

 

 

Procedimento civile

Non può essere attribuita la rappresentanza processuale quando non risulti attribuita al medesimo soggetto altresì la rappresentanza sostanziale in ordine ai rapporti dedotti in giudizio, tuttavia il conferimento della rappresentanza sostanziale non deve necessariamente essere contenuto nel medesimo atto attributivo dei poteri di rappresentanza processuale, nè tale conferimento deve risultare dal suddetto atto in maniera sempre espressa e attraverso l'uso di formule prestabilite, nè, infine, i rapporti per i quali è attribuita la rappresentanza sostanziale devono essere necessariamente individuati in maniera specifica ed analitica; ne consegue che, a fronte di una procura attributiva di poteri rappresentativi processuali che non contenga altresì l'espressa attribuzione di correlativi poteri sostanziali, occorre sempre valutare, avendo riguardo al tenore complessivo dell'atto, se tali poteri non possano ritenersi presupposti o implicitamente attribuiti ed, eventualmente, se l'individuazione dei corrispondenti rapporti non possa ricavarsi in via indiretta o "per relationem". (Nella specie, la Corte ha cassato la sentenza d'appello dichiarativa dell'inammissibilità dell'impugnazione per difetto di legittimazione processuale del rappresentante della Rai, ritenendo che dalla procura attributiva di poteri di rappresentanza processuale potesse desumersi la precedente attribuzione di poteri di rappresentanza sostanziale in ordine ai rapporti dedotti in giudizio, atteso che nell'epigrafe dell'atto il rappresentante veniva individuato come direttore della direzione risorse umane e organizzative della Rai, e perciò come dirigente preposto allo specifico settore relativo alla gestione del personale).

Cassazione civile sez. lav.  03 dicembre 2001 n. 15270

L'attività processuale del falsus procurator è suscettibile di ratifica, con l'unico limite della salvezza dei diritti quesiti, cioè del rispetto delle decadenze eventualmente verificatesi, e la sanatoria, che è rilevabile di ufficio, avendo riguardo ad una questione di ammissibilità o procedibilità della domanda, opera anche per effetto dell'impugnazione proposta dalla parte legittimata.

Cassazione civile sez. II  11 agosto 1990 n. 8195  

 

 

Sanità Pubblica

Non è fondata - in relazione agli art. 3, 4, 77 cost. - la questione di legittimità costituzionale dell'art. 3 d.l. 26 novembre 1981 n. 678, recante modifiche alla legge istitutiva del servizio sanitario nazionale, convertito in l. 26 gennaio 1982 n. 12, che subordina alla previa autorizzazione delle USL l'accesso degli utenti alle strutture convenzionate. à Pubblica

Corte Costituzionale  15 maggio 1987 n. 173

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti