codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 777 codice civile: Donazioni fatte da rappresentanti di persone incapaci

Il padre (1) e il tutore non possono fare donazioni per la persona incapace da essi rappresentata.

Sono consentite, con le forme abilitative richieste (2), le liberalità in occasione di nozze a favore dei discendenti dell’interdetto o dell’inabilitato (3).


Commento

Tutore: [v. 357]; Discendente: [v. 87].

 

(1) Da intendersi colui (padre o madre) che esercita la responsabilità genitoriale [v. 316] sul figlio minore.

 

(2) Nel caso di donazione compiuta dal tutore dell’interdetto è necessaria l’autorizzazione del tribunale, su parere del giudice tutelare [v. 424]; nel caso di donazione compiuta dall’inabilitato è necessaria l’assistenza del curatore, nonché l’autorizzazione del tribunale, su parere del giudice tutelare [v. 424].

 

(3) Sono valide altresì le donazioni fatte dal minore o dall’inabilitato nel loro contratto di matrimonio (convenzioni matrimoniali [v. 159]): in questi casi la tutela del donante cede di fronte al più importante interesse familiare.

 

Per compiere una donazione (capacità di donare) è necessaria la piena capacità di agire [v. 2]. Il negozio di donazione compiuto dagli incapaci (siano essi minori, inabilitati, interdetti o incapaci naturali) è annullabile [v. 1425]. Solo i maggiori di età non interdetti e non inabilitati possono compiere donazioni.


Giurisprudenza annotata

Donazione

La convenzione urbanistica che preveda la cessione a titolo gratuito al comune dell'area da edificare non costituisce atto a titolo gratuito e pertanto il tutore del minore può essere autorizzato alla stipula.

Tribunale Rovigo  20 dicembre 1991



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti