codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 807 codice civile: Effetti della revocazione

Revocata la donazione per ingratitudine o sopravvenienza di figli (1), il donatario deve restituire i beni in natura (2), se essi esistono ancora, e i frutti relativi, a partire dal giorno della domanda.

Se il donatario ha alienato i beni, deve restituirne il valore, avuto riguardo al tempo della domanda, e i frutti relativi, a partire dal giorno della domanda stessa.


Commento

(1) L’articolo disciplina gli effetti della revocazione tra le parti (cioè tra il donante ed il donatario).

 

(2) Con questa espressione si intende che è il bene stesso, così come si trova nel patrimonio del debitore, oggetto dell’obbligazione di restituzione (con gli eventuali miglioramenti o deterioramenti).


Giurisprudenza annotata

Edilizia ed urbanistica

Per i porticati e le tettoie interventi di trasformazione urbanistico-edilizia, assoggettate a permesso di costruire, si esclude la natura di pertinenza urbanistica, essendo suscettibili di un autonomo utilizzo, incidendo in modo permanente e non precario sull'assetto edilizio del territorio; la nozione di pertinenza urbanistica si differenzia da quella civilistica di cui all'art. 807 c.c. in quanto per la prima il manufatto deve essere non solo preordinato ad una oggettiva esigenza dell'edificio principale e funzionalmente inserito al suo servizio, ma anche sfornito di un autonomo valore di mercato e comunque di modeste dimensioni.

T.A.R. Salerno (Campania) sez. II  21 dicembre 2012 n. 2397  

 

 

Trasporto

In tema di trasporto marittimo, la clausola derogativa della giurisdizione del giudice italiano che le parti contraenti, nel concorso dei presupposti e dei requisiti fissati dal diritto comune o dal diritto speciale internazionale applicabile al rapporto, abbiano validamente inserito nel contratto e riportato nell'originale negoziabile della polizza di carico, è operante anche nei confronti dei successivi prenditori del titolo secondo la relativa legge di circolazione, senza che si renda, all'uopo, necessaria la ripetizione, ad ogni suo trasferimento, degli adempimenti formali (presupposti della sua validità) fra detti contraenti, in considerazione della stretta connessione fra esecuzione del trasporto e diritto alla consegna della merce che scaturisce dalla polizza in favore del portatore, nonché del subingresso del giratario nei diritti e negli obblighi del caricatore

Tribunale Genova sez. II  24 ottobre 2009

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti