codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 837 codice civile: Ammassi

Allo scopo di regolare la distribuzione di determinati prodotti agricoli o industriali nell’interesse della produzione nazionale sono costituiti gli ammassi.

Le norme per il conferimento dei prodotti negli ammassi sono contenute in leggi speciali.


Commento

Ammasso: istituto di grande importanza nel settore agricolo ed industriale, consiste nell’obbligo che grava sui produttori di determinati beni, di conferire ad un ente appositamente costituito, avente natura di consorzio obbligatorio, i beni prodotti. L’ente provvede, per conto dei produttori, alla gestione, alla custodia e alla distribuzione dei beni.


Giurisprudenza annotata

Distanze legali

In tema di osservanza di prescrizioni edilizie, come quelle delle distanze fra gli edifici, qualora uno strumento urbanistico usi il termine "strada", senza alcuna specificazione, deve ritenersi che esso intenda riferirsi ad una striscia di terreno appartenente a un ente pubblico e destinato alla circolazione dei veicoli e dei pedoni o, quanto meno, soggetta a servitù di uso pubblico di transito; mentre deve escludersi che costituisca strada in senso tecnico-giuridico, una zona di terreno privato assoggettato a servitù di passaggio a favore di un fondo contiguo.

Cassazione civile sez. un.  15 ottobre 1992 n. 11260  

 

Le disposizioni della l. 28 febbraio 1985 n. 47 - sul così detto condono edilizio -, che prevedono, in pendenza della trattazione della domanda di "concessione in sanatoria", la sospensione di procedimenti amministrativi o penali iniziati in relazione all'accertata violazione, non operano con riguardo alle controversie civili originate dall'assunto di mancato rispetto delle norme edilizie sui rapporti di vicinato, la cui osservanza prescinde dalla regolarità o meno dell'opera sotto il profilo delle prescrizioni che concernano il rapporto tra il privato e la p.a. e sono funzionali all'ordinato sviluppo edilizio. Ne consegue che sull'esito delle dette controversie non può avere alcuna incidenza il conseguimento della sanatoria da parte del trasgressore, conservando i vicini lesi dall'irregolare costruzione il diritto di ottenere il risarcimento dei danni o la riduzione in pristino dei luoghi, a seconda che siano state violate norme di regolamenti locali sulle distanze ovvero del c.c.

Cassazione civile sez. un.  15 ottobre 1992 n. 11260  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti