codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 94 codice civile: Luogo della pubblicazione

La pubblicazione deve essere richiesta all’ufficiale dello stato civile del comune dove uno degli sposi ha la residenza ed è fatta nei comuni di residenza degli sposi (1).

((COMMA ABROGATO DAL D.P.R. 3 NOVEMBRE 2000, N. 396)).

((COMMA ABROGATO DAL D.P.R. 3 NOVEMBRE 2000, N. 396)).


Commento

Ufficiale dello stato civile: [v. 93]; Residenza: [v. 43].

 

 

(1) Se gli sposi risiedono in Comuni diversi, l’ufficiale dello stato civile cui è stata chiesta la pubblicazione provvede a richiederla anche all’ufficiale dello stato civile del Comune in cui risiede l’altro sposo.

 

 

Le pubblicazioni devono essere effettuate nel luogo dove gli sposi vivono abitualmente poiché, con ogni probabilità, è lì che si trovano le persone che possono essere a conoscenza di eventuali impedimenti al matrimonio.

 


Giurisprudenza annotata

Matrimonio

In tema di domanda di rettificazione di atti dello stato civile (nella specie, atto di matrimonio religioso trascritto, oltreché nel registro degli atti di matrimonio del comune di celebrazione del rito, anche in quello di uno dei due comuni di richiesta di pubblicazioni, con erronea indicazione del cognome del marito), competente a conoscere della relativa domanda, proposta dal procuratore della Repubblica, deve ritenersi, ai sensi del combinato disposto degli art. 165 e 167 r.d. n. 1238 del 1939, il tribunale "nella cui circoscrizione si trova l'ufficio dello stato civile nei registri del quale è inserito l'atto da rettificare", dovendosi intendere tale precetto normativo nel senso che, ove si tratti di matrimonio celebrato in comune diverso da quello in cui furono fatte le richieste di pubblicazione (art. 106 e 109 c.c.) la rettificazione attiene (non già all'atto di matrimonio celebrato dinanzi al parroco del comune di celebrazione e trascritto dall'ufficiale dello stato civile del comune medesimo, ma) all'atto di matrimonio trascritto dall'ufficiale di stato civile del comune di richiesta di pubblicazione, con relativa competenza del tribunale nel cui circondario si trovi detto ufficio.

Cassazione civile sez. I  30 marzo 1998 n. 3325

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti