codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 955 codice civile: Costruzioni al disotto del suolo

Le disposizioni precedenti si applicano anche nel caso in cui è concesso il diritto di fare e mantenere costruzioni al disotto del suolo altrui.


Giurisprudenza annotata

Proprietà

Qualora la proprietà di un locale sotterraneo spetti a un soggetto diverso dal proprietario del fondo sovrastante, le spese di manutenzione o rifacimento delle strutture di copertura di tale locale, in difetto di diversa previsione contrattuale, gravano sul proprietario del locale medesimo, ove dette strutture ne costituiscano parte integrante senza alcuna funzione di sostegno del fondo sovrastante e, quindi, salvo titolo contrario, non sono oggetto di comunione con il proprietario del suolo, restando di conseguenza esclusa l'applicabilità in via analogica delle disposizioni dell'art. 1125 c.c., in tema di soffitti, solai o volte degli edifici condominiali.

Cassazione civile sez. II  03 agosto 2012 n. 14097  

 

Poiché il proprietario del suolo non può opporsi ad attività che si svolgano a profondità tale che egli non abbia interesse ad escludere, deve ritenersi ammissibile l'acquisto disgiunto e a titolo originario (per effetto di "possessio ad usucapionem") della proprietà di tre boxes costruiti nel sottosuolo e costituenti entità autonome sotto il profilo materiale e funzionale rispetto al soprasuolo. La non opposizione prestata dal titolare del fondo al venire in essere di beni autonomi nel suo sottosuolo implica necessariamente una rinunzia alla signoria su tale espansione del proprio diritto dominicale, tale da non necessitare di ulteriore prova della mancanza di un contrasto da parte del medesimo soggetto all'uso altrui, altrimenti necessaria - ex art. 1164 c.c. - ai fini dell'usucapione.

Corte appello Genova sez. II  27 ottobre 2009

 

Atteso che già sotto il vigore del codice civile del 1865 era da ritenersi legittimo il frazionamento della proprietà del suolo rispetto a quella relativa al sottosuolo (e al sovrasuolo) e premesso che, secondo il codice vigente, il proprietario del suolo non può opporsi ad attività che si svolgano a profondità tale che egli non abbia interesse ad escludere, deve ritenersi ammissibile l'acquisto a titolo originario, per effetto del possesso utile all'usucapione, della proprietà di una grotta - costituente entità autonoma sotto il profilo materiale e funzionale - disgiunta dalla proprietà del suolo sovrastante.

Cassazione civile sez. II  15 novembre 2006 n. 24302

 

Già sotto il vigore del c.c. del 1865 era configurabile, in base al combinato disposto degli art. 440 e 448, una divisione del diritto di proprietà relativa ad un immobile in autonome e distinte forme incidenti separatamente sul suolo, sul sottosuolo e sul soprassuolo, mentre il c.c. vigente, pur ispirandosi alla concezione tradizionale che il diritto di proprietà si estende di regola - salvo quanto previsto dagli art. 952 e 955 in tema di diritto di superficie - al sottosuolo e allo spazio sovrastante, sancisce (art. 840 c.c.) che il proprietario del suolo non può opporsi ad attività di terzi che si svolgano a tale profondità nel sottosuolo o a tale altezza nello spazio sovrastante, che egli non abbia interesse ad escluderle. Pertanto, ove si accerti che un soggetto ed i suoi danti causa abbiano posseduto una grotta, costituente una entità autonoma e nettamente distinta dal suolo sovrastante sotto il profilo materiale, funzionale ed economico correttamente il giudice del merito, in presenza di un possesso pubblico, pacifico e ininterrotto per un periodo di tempo utile all'usucapione, accerta un tale titolo di acquisto originario della proprietà della grotta disgiunta dalla proprietà del suolo sovrastante.

Cassazione civile sez. II  16 settembre 1981 n. 5130  

 

 

Superficie

La concessione del diritto di costruire e mantenere dei "garage", come diritto di superficie al disotto del cortile comune di un edificio in condominio, richiede a norma dell'art. 955 c.c. l'espressa volontà delle parti nella prescritta forma scritta.

Cassazione civile sez. II  02 aprile 1999 n. 3220  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti