codice-penale
Codice penale aggiornato  al  13 Feb 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 110 codice penale: Pena per coloro che concorrono nel reato

Quando più persone concorrono nel medesimo reato, ciascuna di esse soggiace alla pena per questo stabilita, salve le disposizioni degli articoli seguenti.


Giurisprudenza annotata

Concorso di persone

In tema di associazione di tipo mafioso, la condotta di partecipazione è riferibile a colui che si trova in rapporto di stabile ed organica compenetrazione con il tessuto organizzativo della associazione criminale, tale da implicare, più che uno "status" di appartenenza, un ruolo dinamico e funzionale, in esplicazione del quale l'interessato prende parte al fenomeno associativo, rimanendo a disposizione del sodalizio per il perseguimento dei comuni fini criminosi; ne consegue che è da considerare "intraneus" - e non semplice "concorrente esterno" - il soggetto che, consapevolmente, accetti i voti dell'associazione mafiosa e che, una volta eletto a cariche pubbliche, diventi il punto di riferimento della cosca mettendosi a disposizione, in modo stabile e continuativo, di tutti gli affiliati della consorteria, alla quale rende conto del proprio operato. (Rigetta, Trib. lib. Reggio Calabria, 25/06/2014 )

Cassazione penale sez. II  10 dicembre 2014 n. 53675  

 

Il concorso di persone nel reato richiede, per la sua configurazione, un contributo partecipativo, morale o materiale, alla condotta criminosa altrui, in difetto del quale si è nel campo della connivenza non punibile. Nell'ipotesi di illecita detenzione di stupefacente non potrà parlarsi di concorso nel reato se il soggetto in questione mantiene un comportamento meramente passivo, irrilevante - sotto il profilo causale - per la realizzazione della condotta detentiva altrui (esclusa, nella specie, l'ipotesi di concorso per il soggetto trasportato su una vettura in cui era stata rinvenuta della droga, atteso che tale soggetto non aveva partecipato né all'acquisto della sostanza né al suo occultamento).

Cassazione penale sez. IV  26 novembre 2014 n. 1859  

 

In tema di concorso di persone nel reato, la responsabilità del compartecipe ex art. 116 c.p. può essere configurata solo quando l'evento diverso non sia stato voluto neppure sotto il profilo del dolo indiretto (indeterminato, alternativo od eventuale) e, dunque, a condizione che non sia stato considerato come possibile conseguenza ulteriore o diversa della condotta criminosa concordata. (In applicazione di tale principio la Corte ha ritenuto configurabile a carico dell'imputato, autore materiale di una rapina impropria, il concorso ex art. 110 c.p. in relazione alle lesioni, che i correi durante la fuga provocavano alla vittima). (Rigetta, App. Bologna, 10/01/2014 )

Cassazione penale sez. II  14 novembre 2014 n. 49486  

 

Al fine di potersi affermare la penale responsabilità del politico, quale istigatore nel reato di cui all'art. 323 c.p., occorre dimostrare che il soggetto abbia fatto sorgere in altri il proposito criminoso ovvero lo abbia rafforzato, cioè una decisiva incidenza nella fase ideativa, precisando con quale forma essa si sia concretamente manifestata in rapporto di causalità efficiente con le attività poste in essere dagli altri concorrenti, non potendosi confondere l'atipicità della condotta criminosa concorsuale, pur prevista dall'art. 110 c.p., con l'indifferenza probatoria circa le forme concrete del suo manifestarsi nella realtà (confermata la sentenza assolutoria nei confronti dell'imputato accusato di concorso in abuso di ufficio, per aver indotto la dirigenza della Azienda ospedaliera a nominare, in violazione di legge, quale Direttore di struttura complessa di chirurgia generale della stessa Azienda Ospedaliera, un proprio amico).

Cassazione penale sez. II  07 novembre 2014 n. 50021  

 

Rispondono del delitto di tentato millantato credito in concorso, ai sensi degli art. 56, 110 e 346 c.p., gli imputati che, l'uno in qualità di proprietario di un appartamento e l'altro in qualità di amministratore di condominio, pongano in essere atti idonei diretti in modo non equivoco a farsi consegnare dagli altri condomini dello stabile alcune somme di denaro, con il pretesto di dover comprare il favore del funzionario comunale competente ad apporre l'ultima firma, onde evadere una pratica relativa all'erogazione dei contributi previsti dalla l. 219/81 (legge sul terremoto) per la ristrutturazione del condominio stesso.

Tribunale Napoli sez. I  30 ottobre 2014 n. 14476  

 

In tema di concorso di persone nel reato, in una moderna impostazione del profilo causale, specialmente nei contesti di reità plurisoggettiva, è necessario che sia provata in termini concreti la specifica condotta di partecipazione di ciascun correo, delineando in maniera sufficientemente preciso il singolo apporto eziologico confluito nell'impresa comune.

Tribunale S.Maria Capua V. sez. II  18 agosto 2014 n. 2454  

 

In tema di concorso di persone nel reato, in una moderna impostazione del profilo causale, specialmente nei contesti di reità plurisoggettiva, è necessario che sia provata in termini concreti la specifica condotta di partecipazione di ciascun correo, delineando in maniera sufficientemente preciso il singolo apporto eziologico confluito nell'impresa comune.

Tribunale S.Maria Capua V. sez. II  18 agosto 2014 n. 2454  

 

In tema di stupefacenti, nell'ipotesi di più reati, la configurabilità della circostanza aggravante dell'ingente quantità di cui all'art. 80, comma 2, d.P.R. 9 ottobre 1990 n. 309, va verificata in relazione a ciascuno di essi, e non in relazione alla sommatoria delle quantità oggetto delle diverse condotte, salvo che sia individuabile un'antecedente condotta riferita all'intero, solo frazionato in successive quote; parimenti, nell'ipotesi che la materiale disponibilità della sostanza sia divisa tra più persone, la somma delle diverse quantità ben può rilevare ai fini del superamento del dato ponderale necessario per la sussistenza di detta circostanza, solo qualora tra le stesse sia ravvisabile il concorso ex art. 110 c.p. (Annulla in parte con rinvio, Trib. lib. Catania, 30/01/2014 )

Cassazione penale sez. fer.  11 agosto 2014 n. 47749  

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti