codice-penale
Codice penale aggiornato  al  13 Feb 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 119 codice penale: Valutazione delle circostanze di esclusione della pena

Le circostanze soggettive, le quali escludono la pena per taluno di coloro che sono concorsi nel reato hanno effetto soltanto riguardo alla persona a cui si riferiscono.

Le circostanze oggettive che escludono la pena hanno effetto per tutti coloro che sono concorsi nel reato.


Giurisprudenza annotata

Cause di esclusione della pena.

La speciale causa di giustificazione prevista dall'art. 68, comma 1, Cost. in favore del parlamentare che esprima opinioni nell'esercizio delle proprie funzioni configura una ipotesi di legittimo esercizio di un diritto (art. 51 c.p.) ed integra, come tale, una causa di giustificazione. Ne consegue che, in tal caso, la condotta è lecita, in quanto espressione dell'esercizio di un diritto che non può configurare una mera causa di esclusione della colpevolezza che lascerebbe sussistere la illiceità del fatto e, pertanto, la insindacabilità delle espressioni usate dal parlamentare, riconosciuta dall' art. 68 Cost., giova al concorrente, ai sensi dell'art. 119 c.p.

Cassazione penale sez. V  27 ottobre 2006 n. 38944  

 

La causa di non punibilità prevista dall'art. 68 comma 1 cost. in favore dei membri del Parlamento con riguardo alle opinioni espresse ed ai voti dati nell'esercizio delle loro funzioni si estende, ai sensi dell'art. 119 c.p., a tutti coloro che, ancorché non parlamentari, abbiano concorso nel medesimo reato (principio affermato, nella specie, con riguardo al direttore responsabile di una testata radiotelevisiva, chiamato a rispondere a titolo di concorso, e non per omesso controllo ai sensi dell'art. 57 c.p., del reato di diffamazione addebitato ad un parlamentare).

Cassazione penale sez. V  27 ottobre 2006 n. 38944  

 

La ritrattazione di una testimonianza falsa, ai termini dell'art. 376 c.p., costituisce circostanza obiettiva di esclusione della punibilità e come tale merita valutazione ai fini del concorso di persone del reato. Ne consegue che essa dovrà giovare, al concorrente morale del reato ai sensi dell'art. 119 c.p.

Cassazione penale sez. un.  23 novembre 1985

 

La ritrattazione non può essere considerata causa di estinzione del reato o della pena ma ha natura giuridica di causa di esclusione della punibilità riconducibile, come tale, tra le circostanze previste dall'art. 119 c.p.; essa, risolvendosi in un impedimento volontario del danno o pericolo derivante dalla falsità commessa ed eliminando in radice la ragione stessa della punibilità della condotta illecita, ha carattere oggettivo ed è pertanto estensibile al concorrente (nella specie istigatore).

Cassazione penale sez. un.  23 novembre 1985

 

La ritrattazione, compiuta ai termini dell'art. 376 c.p., è una causa di esclusione della punibilità e come tale è compresa tra le circostanze previste dall'art. 119 c.p., che si configura come regola generale per la valutazione delle circostanze di esclusione della pena nei casi di concorso di persone nel reato. Ne consegue che essa, avendo carattere oggettivo, giova anche all'istigatore concorrente nel reato.

Cassazione penale sez. un.  23 novembre 1985

 

Quando il risarcimento del danno avviene ad opera di uno solo dei concorrenti nel delitto, la circostanza di cui all'art. 62 n. 6 c.p., data la sua natura soggettiva, non può essere applicata ad altro compartecipe, ostandovi la norma dell'art. 119 c.p.

Cassazione penale sez. VI  17 ottobre 1978

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti