codice-penale
Codice penale aggiornato  al  13 Feb 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 120 codice penale: Diritto di querela

Ogni persona offesa da un reato per cui non debba procedersi d’ufficio o dietro richiesta o istanza ha diritto di querela.

Per i minori degli anni quattordici e per gli interdetti a cagione d’infermità di mente, il diritto di querela è esercitato dal genitore o dal tutore.

I minori che hanno compiuto gli anni quattordici e gli inabilitati, possono esercitare il diritto di querela, e possono altresì, in loro vece, esercitarlo il genitore ovvero il tutore o il curatore, nonostante ogni contraria dichiarazione di volontà, espressa o tacita, del minore o dell’inabilitato.


Giurisprudenza annotata

Diritto di querela

In tema di querela, pur non essendo necessaria una compiuta e analitica descrizione dei fatti che ne costituiscono l'oggetto è, tuttavia, necessaria l'esposizione di tutti i fatti noti al querelante che egli intenda perseguire; ne consegue che l'omesso riferimento a fatti lesivi noti comporta che essi non possono essere ricompresi nell'istanza punitiva. (In applicazione del principio di cui in massima la S.C. ha ritenuto immune da censure la decisione con cui il giudice di merito ha dichiarato non doversi procedere nei confronti dell'imputato per difetto di querela, in ordine al reato di ingiuria in danno della persona offesa, la quale, in sede di querela, non aveva fatto alcun riferimento a fatti lesivi del proprio onore). (Rigetta, Giud.pace Macerata Feltria, 12/04/2013 )

Cassazione penale sez. V  30 maggio 2014 n. 47055  

 

Non può essere negato il diritto di querela in capo al direttore di un ufficio postale, in caso di apertura di un libretto postale e pagamento di un assegno clonato presso la sua sede, che integra il reato di truffa (nella specie l'imputato aveva indutto in errore il direttore di un ufficio postale, che aveva aperto sotto un nome in realtà falso un libretto di deposito postale, su cui era stato poi versato un assegno clonato dall'originale.Il pagamento di somme solo apparentemente esistenti avrebbe creato una sicura perdita economica da parte dell'Ente ed essendo il bene giuridico tutelato il patrimonio con la punibilità di condotte che ledono la formazione del consenso nei negozi giuridici patrimoniali mediante artifizi o raggiri, il direttore dell'ufficio postale non solo aveva in custodia le somme dell'Ente, ma era anche deputato ad effettuare, in nome e per conto dello stesso Ente, tutte le operazioni ad esso demandate, compresa l'apertura di un libretto postale. Di conseguenza, non poteva essere negata la sua titolarietà del bene leso dall'azione criminosa e, perciò, la sua legittimazione a proporre querela).

Cassazione penale sez. II  04 marzo 2014 n. 27081  

 

La legittimazione a proporre querela per il reato di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle cose spetta sia al titolare di un diritto reale assoluto sulla "res" oggetto di violenza, sia a chi eserciti sulla cosa un legittimo "ius possessionis" significativo di una diretta relazione con la medesima. (Fattispecie nella quale la Corte ha ritenuto corretta la decisione impugnata laddove aveva escluso la titolarità del diritto di querela in capo ad un soggetto che aveva fruito di un passaggio carrabile, verso un'area adibita a parcheggio comune, non in virtù di un titolo opponibile ai terzi, ma solo grazie ai rapporti di buon vicinato in origine esistenti con le altre parti). (Annulla in parte con rinvio, App. L'Aquila, 13/12/2012 )

Cassazione penale sez. VI  27 febbraio 2014 n. 24641  

 

Ai fini della procedibilità di un furto commesso all'interno di un supermercato, il direttore dell'esercizio è legittimato a proporre querela, anche quando non sia munito dei poteri di rappresentanza del proprietario, in quanto titolare di una posizione di detenzione qualificata della cosa che è compresa nel bene giuridico protetto dalla norma incriminatrice.

Cassazione penale sez. IV  29 gennaio 2014 n. 8094  

 

La querela è condizione di procedibilità nei riguardi di chiunque risulti responsabile del reato e, pertanto, produce i suoi effetti anche nel caso di erronea indicazione del colpevole da parte della persona offesa. (Annulla con rinvio, Giud.pace Sapri, 13/12/2012 )

Cassazione penale sez. V  21 gennaio 2014 n. 7473  

 

Ai fini della validità della querela, la manifestazione della volontà di punizione è univocamente desumibile dall'espressa qualificazione dell'atto depositato dalla persona offesa come “denuncia-querela”, in quanto assume rilievo decisivo il significato tecnico dell'espressione adoperata.

Cassazione penale sez. V  05 dicembre 2013 n. 1710  

 

L'art. 120 c.p. attribuisce il diritto di querela alla persona offesa dal reato, ossia alla persona titolare dell'interesse direttamente protetto dalla norma incriminatrice (cassata, nella specie, la sentenza impugnata che, in relazione ad una ipotesi di ingiuria per invio di un sms, invece di prendere atto che la querelante, utilizzatrice del telefono al quale era stato inviato il messaggio, era la destinataria di quest'ultimo, aveva valorizzato un profilo assolutamente irrilevante rispetto alla ratto della fattispecie, ossia la titolarità formale dell'utenza).

Cassazione penale sez. V  14 novembre 2013 n. 51395  

 

In tema di querela, la volontà di chiedere la punizione del colpevole, se non deve estrinsecarsi in formule rituali o sacramentali, e se può essere desunta dal complessivo comportamento della persona offesa, anche successivo al fatto, deve in ogni caso risultare in modo inequivoco nel suo contenuto sostanziale. (Fattispecie in cui la Corte ha escluso potesse considerarsi querela una dichiarazione orale della persona offesa di "aver contattato le forze di Polizia per il più a procedere"). Annulla senza rinvio, Trib. lib. Torino, 05/10/2012

Cassazione penale sez. II  12 aprile 2013 n. 30700  

 

È valida la querela proposta dai genitori della persona offesa, minore ultraquattordicenne, ancorché quest'ultimo non sia mai venuto a conoscenza del fatto lesivo commesso nei suoi confronti, considerato che la previsione di cui all'art. 120 comma 3 c.p. - riconoscendo il diritto di querela al minore ultra quattordicenne e disponendo che, in sua vece, tale diritto possa essere esercitato dal genitore nonostante ogni contraria dichiarazione di volontà, espressa o tacita del minore stesso - mantiene la legittimazione all'esercizio del diritto di querela in capo al genitore del minorenne dissenziente, con la conseguenza che, in caso di dissenso, la volontà del minore è "tamquam non esset" e che è, pertanto, irrilevante, a tal fine, la circostanza che egli sia venuto o meno a conoscenza della condotta delittuosa in suo danno. Annulla con rinvio, App. Bologna, 08/02/2012

Cassazione penale sez. V  06 febbraio 2013 n. 23010  

 

In tema di titolarità del diritto di querela, la previsione di cui all'art. 120, comma terzo, cod. pen. - per la quale il diritto di querela può essere esercitato dai minori che hanno compiuto gli anni quattordici e dagli inabilitati oltre che, in loro vece, dal genitore, tutore o curatore - non può essere intesa nel senso che questi ultimi possono esercitare tale diritto soltanto nel caso in cui i rappresentati non lo abbiano fatto, trattandosi di diritto distinto ed autonomo che può essere esercitato anche in presenza di una volontà contraria o a seguito dell'avvenuto esercizio da parte dei rappresentati. Rigetta, Trib. Patti, s.d. Sant'Agata Di Militello, 09/11/2011

Cassazione penale sez. V  04 ottobre 2012 n. 3207  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti