codice-penale
Codice penale aggiornato  al  13 Feb 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 283 codice penale: Attentato contro la costituzione dello Stato

Chiunque commette un fatto diretto a mutare la costituzione dello Stato, o la forma del Governo, con mezzi non consentiti dall’ordinamento costituzionale dello Stato, è punito con la reclusione non inferiore a dodici anni.

Articolo così modificato dalla L. 11 novembre 1947, n. 1317.


Giurisprudenza annotata

Attentato contro la Costituzione

È inammissibile il giudizio per conflitto di attribuzioni tra poteri dello Stato promosso da un singolo cittadino, agente sulla base di una presunta legittimazione derivante dallo svolgimento della funzione pubblica, costituzionalmente garantita, di eccezionale difesa del nucleo fondamentale e intangibile della Costituzione, nei confronti del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati ed avente ad oggetto una disposizione legislativa comportante modifica dell'art. 283 c.p. Difettano, infatti, i requisiti soggettivo e oggettivo, in quanto, da un lato, il singolo cittadino non può, in nessun caso, ritenersi investito di una funzione costituzionalmente rilevante tale da legittimarlo a sollevare conflitto di attribuzioni; d'altro lato, il ricorso è diretto non a sollevare un conflitto di attribuzione, ma ad ottenere una dichiarazione di illegittimità costituzionale di una disposizione di legge (art. 3 l. 24 febbraio 2006 n. 85).

Corte Costituzionale  07 aprile 2011 n. 121  

 

È inammissibile, per difetto del requisito soggettivo e di quello oggettivo, il ricorso per conflitto di attribuzione fra poteri dello Stato proposto dall'avv. G.B. nei confronti del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati, in relazione all'art. 3 l. 24 febbraio 2006 n. 85 di modifica dell'art. 283 c.p. ed alla delibera del Senato della Repubblica del 20 ottobre 2010 con la quale è stato approvato il d.d.l. n. 1880-A recante misure per la tutela del cittadino contro la durata indeterminata dei processi, in attuazione dell'art. 111 cost. e dell'art. 6 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo.

Corte Costituzionale  07 aprile 2011 n. 121  

 

È inammissibile il ricorso per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato sorto a seguito della deliberazione del Senato della Repubblica 31 gennaio 2001 relativa alla insindacabilità, ai sensi dell'art. 68 comma 1 cost., delle opinioni e dei comportamenti di due parlamentari, per i quali è in corso un procedimento penale. Il ricorrente, infatti, non ha assolto all'onere di una enunciazione esaustiva delle condotte poste in essere dagli imputati che prescinda dalla tecnica adottata nella formulazione del capo di imputazione e dalla sussistenza dei requisiti minimi di indicazione del "fatto" prescritti dal c.p.p., in particolare omettendo di precisare quale sia il comportamento addebitato a ciascuno dei due senatori imputati, atteso che nè la loro posizione risulta adeguatamente differenziata rispetto a quella degli altri coimputati nei medesimi reati, nè risulta specificata la natura (morale o materiale) del contributo recato dai predetti parlamentari a titolo di concorso nella realizzazione delle fattispecie criminose oggetto di contestazione: precisazione tanto più necessaria in quanto ai due parlamentari sono stati addebitati reati a condotta libera, in relazione ai quali il legislatore è ricorso alla tecnica di incriminare qualsiasi "fatto" diretto, rispettivamente, a "disciogliere l'unità dello Stato" (art. 241 c.p.) ovvero a "mutare la costituzione dello Stato o la forma del Governo" (art. 283 c.p.); sicché, mancando in radice la possibilità di stabilire se quella ascrivibile a ciascuno dei due parlamentari sia la realizzazione di un comportamento di carattere materiale o la manifestazione di una opinione, rimane preclusa la possibilità di valutare se ricorrano le condizioni per l'operatività della prerogativa di cui all'art. 68 comma 1 cost.

Corte Costituzionale  07 luglio 2005 n. 267  

 

Il dolo del delitto previsto dall'art. 283 c.p. è costituito dalla coscienza e volontà di porre in essere un'attività rivolta, con mezzi illegittimi, alla modificazione delle norme costituzionali dello Stato con il proposito di attuare tale mutamento.

Corte appello Roma  26 marzo 1985

 

La norma di cui all'art. 283 c.p. è volta a garantire la legittimità dell'evoluzione costituzionale, essa pertanto non tutela l'immutabilità della Costituzione, ma ribadisce e rafforza penalmente il principio della possibilità di un mutamento nell'ambito delle forme costituzionali.

Corte appello Roma  26 marzo 1985



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti