Codice penale Aggiornato il 13 febbraio 2015

Codice penale Art. 295 codice penale: Attentato contro i Capi di Stati esteri

Codice penale Aggiornato il 13 febbraio 2015



Chiunque nel territorio dello Stato attenta alla vita, alla incolumità o alla libertà personale del Capo di uno Stato estero è punito, nel caso di attentato alla vita, con la reclusione non inferiore a venti anni e, negli altri casi, con la reclusione non inferiore a quindici anni. Se dal fatto è derivata la morte del Capo dello Stato estero, il colpevole è punito con la morte (1) nel caso di attentato alla vita; negli altri casi è punito con l’ergastolo.

(1) La pena di morte è stata soppressa e sostituita con l’ergastolo.

Giurisprudenza annotata

Delitti contro gli Stati esteri

L'art. 295 c.p. concerne la libertà personale, intesa come bene fisico, suscettibile di offesa attraverso ogni forma di intervento diretto che sia di ostacolo alla libertà di locomozione e comunque incida sulla libera disponibilità della persona, mentre l'art. 296 stesso codice riguarda la libertà morale, concepita come facoltà di libera determinazione e quindi come intima e normale attività dello spirito.

Cassazione penale sez. I  07 novembre 1978

 

Integra la fattispecie del reato di attentato alla incolumità o alla libertà personale di capi di Stato estero, e non di quello di attentato alla sola libertà morale, la condotta di colui che, usando violenza, limita la libertà personale di un rappresentante di tale Stato impedendogli la libera disponibilità della persona.

Cassazione penale sez. I  07 novembre 1978



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK