codice-penale
Codice penale aggiornato  al  13 Feb 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 313 codice penale: Autorizzazione a procedere o richiesta di procedimento

Per i delitti preveduti dagli articoli 244, 245, 265, 267, 269, 273, 274, 277. 278, 279, 287 e 288 non si può procedere senza l’autorizzazione del Ministro per la giustizia.

Parimenti, non si può procedere senza tale autorizzazione per i delitti preveduti dagli articolo 247, 248, 249, 250, 251 e 252, quando sono commessi a danno di uno Stato estero alleato o associato, a fine di guerra, allo Stato italiano.

Per il delitto preveduto dall’articolo 290, quando è commesso contro l’assemblea costituente ovvero contro le assemblee legislative o una di queste, non si può procedere senza l’autorizzazione dell’assemblea contro la quale il vilipendio è diretto. Negli altri casi non si può procedere senza l’autorizzazione del Ministro per la giustizia (1).

I delitti preveduti dagli articoli 296, 297, 298 in relazione agli articoli 296 e 297, e dall’articolo 299 sono punibili a richiesta del Ministro per la giustizia.

_________

(1) Con sentenza n. 15 del 17 febbraio 1969 la Corte cost. ha dichiarato l’illegittimità di questo comma nei limiti in cui attribuisce il potere di dare l’autorizzazione a procedere per il delitto di vilipendio della Corte costituzionale al Ministro di grazia e giustizia anzichè alla Corte stessa.

 


Giurisprudenza annotata

Autorizzazione a procedere del Ministero di Giustizia

Deve essere annullata senza rinvio la sentenza predibattimentale dichiarativa del non doversi procedere, emessa sul presupposto della sindacabilità incidenter tantum dell'autorizzazione a procedere concessa dal Ministro della giustizia, nella specie per asserita illegittimità derivante dalla violazione delle norme sul procedimento amministrativo, in quanto l'autorizzazione a procedere sotto il profilo funzionale costituisce un atto processuale che condiziona dall'esterno il valido esercizio della funzione giurisdizionale, ma sotto il profilo del contenuto ha natura di atto politico, libero nei fini ed insindacabile da parte dell'autorità giudiziaria.

Cassazione penale sez. I  28 settembre 2010 n. 45074

 

L'autorizzazione a procedere da parte del Ministro della giustizia, prevista dall'art. 313 comma 1 c.p. per i reati ivi indicati, ha natura di atto politico e non è, pertanto, sindacabile in sede giurisdizionale. (Nella specie, in applicazione di tale principio, la Corte ha annullato senza rinvio la sentenza predibattimentale di non luogo a procedere per il reato di cui all'art. 278 c.p. pronunciata dal tribunale sulla base della ritenuta illegittimità dell'autorizzazione a procedere rilasciata dal ministro, disponendo nel contempo la restituzione degli atti, per il seguito del procedimento, al medesimo tribunale, cui veniva demandata anche la valutazione circa l'opportunità o meno di sollevare conflitto di attribuzione con la camera di appartenenza dell'imputato, investito di mandato parlamentare, la quale aveva ritenuto che il reato di cui all'art. 278 c.p., a lui addebitato, costituisse manifestazione di opinione riconducibile all'esercizio di detto mandato).

Cassazione penale sez. I  28 settembre 2010 n. 45074

 

È inammissibile, per erronea indicazione delle norme cui dovrebbe riferirsi e per incertezza sul "petitum", la questione di legittimità costituzionale degli art. 159, comma 1, 313 c.p. e 3 r.d.l. 9 dicembre 1941 n. 1386, che prevedono la sospensione del corso della prescrizione nel caso di autorizzazione a procedere per il reato di vilipendio delle forze armate, previsto dall'art. 81 c.p.m.p., in riferimento all'art. 3 cost.

Corte Costituzionale  17 ottobre 1985 n. 228



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti