codice-penale
Codice penale aggiornato  al  13 Feb 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 342 codice penale: Oltraggio a un Corpo politico, amministrativo o giudiziario

Chiunque offende l’onore o il prestigio di un Corpo politico, amministrativo o giudiziario, o di una rappresentanza di esso, o di una pubblica Autorità costituita in collegio, al cospetto del Corpo, della rappresentanza o del collegio, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni.

La stessa pena si applica a chi commette il fatto mediante comunicazione telegrafica, o con scritto o disegno, diretti al Corpo, alla rappresentanza o al collegio, a causa delle sue funzioni.

La pena è della reclusione da uno a quattro anni se l’offesa consiste nella attribuzione di un fatto determinato.

Si applica la disposizione dell’ultimo capoverso dell’articolo precedente.


Giurisprudenza annotata

Oltraggio a corpo politico, amministrativo, giudiziario

Al fini della sussistenza del delitto di oltraggio ad un corpo politico, amministrativo o giudiziario commesso mediante comunicazione telegrafica, scritto o disegno non è necessario che l'espressione oltraggiosa sin rivolta ad uno dei suddetti consessi al «cospetto del corpo», cioè nel momento in cui essi si trovino riuniti nell'esercizio delle loro funzioni, potendo l'offesa essere effettuata mediante scritti diretti all'autorità protetta, a causa delle sue funzioni (nella specie, l'agente aveva arrecato offesa ai componenti di una sezione del Tar, attraverso una lettera indirizzata al presidente del collegio).

Cassazione penale sez. VI  20 novembre 2006 n. 2804  

 

Ai fini della sussistenza del delitto di cui all’art. 342 c.p. di oltraggio ad un corpo politico amministrativo o giudiziario, non è necessario che l’espressione oltraggiosa sia rivolta ad uno dei suddetti consessi al “cospetto del corpo”, cioè nel momento in cui essi si trovino riuniti nell’esercizio delle loro funzioni, potendo l’offesa essere effettuata mediante scritti diretti all’autorità protetta, a causa delle sue funzioni.

Cassazione penale sez. VI  20 novembre 2006 n. 2804  

 

Integra delitto di oltraggio a magistrato in udienza la condotta del difensore che, subito dopo la lettura della sentenza che definisce il processo penale nel quale ha svolto la propria funzione, esprime davanti al collegio giudicante il proprio dissenso per la decisione adottata. (Fattispecie in cui il difensore al termine dell'udienza di appello aveva rivolto un invito ai giudici, pubblicamente ed in loro presenza, ad un corretto esercizio della professione: "la "reformatio in peius" non è prevista dal nostro ordinamento, la professione deve essere fatta con serietà da entrambe le parti").

Cassazione penale sez. VI  29 settembre 2005 n. 2253  

 

Il reato di oltraggio ad un Corpo politico, amministrativo o giudiziario previsto dall'art. 342 c.p. non può realizzarsi, anche quando sia commesso mediante scritti, nei confronti di soggetti diversi da quelli costituiti in collegio.

Cassazione penale sez. VI  16 febbraio 2000 n. 4159  

 

In tema di oltraggio a un corpo politico, amministrativo o giudiziario, è necessario che l'espressione oltraggiosa avvenga "al cospetto del corpo", e quindi sia rivolta a uno dei predetti consessi costituiti in collegio per l'esercizio delle relative funzioni. Non integra pertanto il reato l'offesa recata ai vigili urbani da chi, nel compilare il bollettino postale di versamento di una sanzione amministrativa inserisca nella causale di versamento la frase "rapina legalizzata".

Cassazione penale sez. VI  16 febbraio 2000 n. 4159

 

In tema di ingiuria a pubblico ufficiale (nella specie, Sindaco) da parte di un avversario politico dell'opposizione, la causa di giustificazione dell'esercizio del diritto di critica politica non può essere sottoposta ai medesimi limiti propri del diritto di cronaca giornalistica, venendo in considerazione non soltanto i diritti alla libera manifestazione del pensiero ed all'effettiva partecipazione dall'organizzazione politica del paese, ma anche la tutela dei diritti inviolabili dell'uomo all'interno delle formazioni sociali ove si svolge e si realizza la sua personalità, ed il ruolo di controllo della maggioranza che deve essere assicurato alle minoranze a garanzia del metodo democratico, quale unica forma di determinazione della politica nazionale; ne deriva che va esclusa la rilevanza del limite tradizionale della verità del fatto attribuito, oggetto di critica politica, mentre operano i limiti dell'utilità sociale dell'informazione (cd. pertinenza) e della correttezza dell'esposizione (cd. Continenza).

Pretura Rovereto  30 dicembre 1999

 

In tema di oltraggio a corpo politico, amministrativo o giudiziario, l'offesa deve avvenire "al cospetto" dell'organo tutelato, costituito secondo le modalità stabilite dalla legge e riunito per l'esercizio delle sue funzioni. Pertanto, non costituisce il reato di cui all'art. 342 c.p. la condotta di un consigliere che, durante una seduta del Consiglio comunale, abbia pronunziato all'indirizzo della giunta la frase "l'amministrazione non vuole portare avanti l'acquisto del palazzo La Motta, perché non ci guadagna niente".

Cassazione penale sez. VI  30 aprile 1999 n. 8642  

 

Non è idonea a rendere configurabile il reato di cui all'art. 342 c.p. (oltraggio ad un corpo politico, amministrativo o giudiziario) l'affermazione fatta nel corso di una seduta del consiglio comunale da un componente del medesimo, secondo cui "l'amministrazione" non vorrebbe dar corso ad una determinata iniziativa "perché non ci guadagna niente", atteso che, non riferendosi detta affermazione al consiglio comunale (nel quale caso, peraltro, non potrebbe comunque dar luogo a responsabilità per il suindicato titolo di reato, siccome proveniente da un componente del medesimo organo nell'esercizio delle sue funzioni), ma riferendosi invece alla giunta municipale, nella quale si identifica appunto l'amministrazione del comune, non può dirsi che l'offesa sia stata posta in essere "al cospetto" dell'organo cui era diretta.

Cassazione penale sez. VI  30 aprile 1999 n. 8642  

 

In tema di resistenza a pubblico ufficiale, qualora l'attività violenta o minacciosa sia posta in essere da un terzo che intenda contrastare l'accompagnamento coattivo di una persona (già identificata) da parte dei carabinieri in una caserma, assumendo l'illegittimità del comportamento dei pubblici ufficiali, non può, comunque, trovare applicazione la scriminante della reazione ad atti arbitrari, in quanto la locuzione usata dal legislatore nell'art. 4 del d.lg.lt. 14 settembre 1944 n. 288, secondo la quale "non si applicano le disposizioni degli art. 336, 337, 339, 341, 342, 343 c.p. quando il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio ovvero il pubblico impiegato abbia dato causa al fatto preveduto negli stessi articoli, eccedendo con atti arbitrari, i limiti delle sue attribuzioni", determina una correlazione indefettibile tra persona che può invocare la scriminante e la vittima dell'arbitrio, nel senso che le due figure debbono essere necessariamente riconducibili al medesimo soggetto e presuppone un rigoroso rapporto causale fra la condotta arbitraria del pubblico ufficiale e la reazione da parte di colui che l'ha subita.

Cassazione penale sez. VI  11 novembre 1998 n. 404  

 

Ai fini della sussistenza del reato di oltraggio a un corpo politico, amministrativo o giudiziario, di cui all'art. 342 c.p., è necessario che l'espressione oltraggiosa sia rivolta ad uno dei predetti consessi al "cospetto del corpo", cioè nel momento in cui essi si trovino riuniti nell'esercizio delle loro funzioni.

Cassazione penale sez. VI  12 maggio 1998 n. 7498  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti