Codice penale Aggiornato il 13 febbraio 2015

Codice penale Art. 35 codice penale: Sospensione dall’esercizio di una professione o di un’arte

Codice penale Aggiornato il 13 febbraio 2015



La sospensione dall’esercizio di una professione o di un’arte priva il condannato della capacità di esercitare, durante la sospensione, una professione, arte, industria, o un commercio o mestiere, per i quali è richiesto uno speciale permesso o una speciale abilitazione, autorizzazione o licenza dell’Autorità.

La sospensione dall’esercizio di una professione o di un’arte non può avere una durata inferiore a quindici giorni, nè superiore a due anni.

Essa consegue a ogni condanna per contravvenzione, che sia commessa con abuso della professione, arte, industria, o del commercio o mestiere, ovvero con violazione dei doveri ad essi inerenti, quando la pena inflitta non è inferiore a un anno d’arresto.

Giurisprudenza annotata

Pena

Nel caso di condanna per il reato di cui all'art. 691 c.p., si applica, qualora il colpevole sia esercente un'osteria o un altro pubblico spaccio di cibi o bevande, la pena accessoria della sospensione dall'esercizio, prevista dall'art. 691 comma 2 c.p., indipendentemente dall'entità della pena inflitta, essendo tale ultima previsione speciale rispetto a quella dell'art. 35 c.p. Rigetta, Giud. pace Ancona, 06/11/2012

Cassazione penale sez. V  24 ottobre 2013 n. 49499  

 

È applicabile in via provvisoria la pena accessoria della sospensione dall'esercizio degli uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese al socio di una società di fatto imputato di contravvenzioni alle norme sull'igiene del lavoro, al fine di evitare che i predetti reati vengano portati a conseguenze ulteriori e di realizzare un effettivo risanamento degli ambienti di lavoro.

Pretura Torino  04 marzo 1987

 

La pena accessoria della sospensione dall'esercizio degli uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese è applicabile in via provvisoria al socio di un società di fatto, imputato di contravvenzioni alle norme sull'igiene del lavoro punite con l'arresto, al fine d'impedire che tali contravvenzioni vengano portate a conseguenze ulteriori.

Pretura Torino  04 marzo 1987

 

L'applicazione provvisoria, durante l'istruzione, della sospensione dall'esercizio della professione di avvocato è una provvidenza tipicamente cautelare, volta a salvaguardare le esigenze connesse alla funzionalità dell'accertamento istruttorio. Legittimamente essa viene pertanto inflitta quando il pericolo, che si intenda neutralizzare, sia quello consistente nella reiterazione di una condotta difensiva diretta a favorire inquisiti e latitanti con la conseguente operatività dei meccanismi di inquinamento delle prove.

Cassazione penale sez. I  31 gennaio 1986

 

Ai sensi degli art. 35 e 140 c.p., quando la pena inflitta non è inferiore a un anno d'arresto, se il condannato è titolare di una industria ed ha violato la l. n. 319 del 1976, consegue la pena accessoria della sospensione dall'esercizio di una professione o di un'arte e cioè la sospensione dall'esercizio dell'impresa per cui è richiesta la speciale autorizzazione amministrativa (nella specie, produzione di carni insaccate). Infatti in tale caso si violano i doveri inerenti all'esercizio dell'industria posti dalla legge ordinaria con riferimento agli artt. 41 e 42 cost. .

Pretura Schio  29 ottobre 1981

 



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK