codice-penale
Codice penale aggiornato  al  13 Feb 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 471 codice penale: Uso abusivo di sigilli e strumenti veri

Chiunque, essendosi procurati i veri sigilli o i veri strumenti destinati a pubblica autenticazione o certificazione, ne fa uso a danno altrui, o a profitto di sè o degli altri, è punito con la reclusione fino a tre anni e con la multa fino a lire seicentomila.


Giurisprudenza annotata

Uso abusivo di sigilli

Non integra il reato di uso abusivo di sigilli (art. 471 cod. pen.) la condotta di colui che utilizzi il timbro riproducente il nome e cognome di un professionista (nella specie ingegnere) nonché il numero dell'iscrizione al relativo albo su relazioni relative a lavori di manutenzione straordinaria, considerato che esso non è strumento di pubblica autenticazione o certificazione, non essendo predisposto da un ente pubblico a tali fini; inoltre, le indicazioni in esso impresse, una volta apposte su un dato atto, non hanno una portata autonoma e diversa rispetto alle altre dichiarazioni in quest'ultimo contenute, trattandosi di un'apposizione che sostituisce enunciazione formale di provenienza senza che questa costituisca, tuttavia, oggetto di pubblica attestazione o certificazione. Per contro, gli strumenti destinati a pubblica autenticazione o certificazione, oggetto della tutela penale di cui all'art. 471, devono recare all'origine, nella stessa struttura e conformazione, l'indicazione di siffatta funzione, la quale, pertanto non può identificarsi con l'uso pratico che di volta in volta si faccia. Annulla senza rinvio, App. L'Aquila, 18 Maggio 2005

Cassazione penale sez. V  29 gennaio 2008 n. 8652  

 

Non integra il reato di uso abusivo di sigilli o altri strumenti di pubblica autenticazione o certificazione la condotta del medico il quale utilizzi il timbro ad inchiostro recante il nominativo ed il codice regionale di altro medico convenzionato con il S.s.n., su certificazioni mediche e prescrizioni, in quanto il suddetto timbro vale solo ad individuare la provenienza amministrativa di queste ultime e non la persona fisica del medico che le redige, tanto che di esso può avvalersi anche il sostituto temporaneo previa aggiunta del proprio timbro personale, la cui mancanza, peraltro, costituisce una irregolarità non rilevante sotto il profilo penale.

Cassazione penale sez. II  12 luglio 2001 n. 38333  

 

L'alterazione del mese e dell'anno nel timbro postale autentico apposto sulla busta contenente corrispondenza, in modo da far apparire la data falsa, è da ricondurre alla previsione degli art. 477 - 482 c.p. e non all'art. 471 c.p., perché l'indagato non si è procurato i veri sigilli o i veri strumenti destinati a pubblica autenticazione o certificazione.

Ufficio Indagini preliminari Milano  15 novembre 2000

 

Nessuna norma sanziona penalmente l'uso non autorizzato di marchi o segni distintivi autentici (nella specie, per sovrapproduzione, ossia per superamento dei limiti quantitativi di concessione nell'uso del marchio), onde il fatto rileva solo come illecito civile, atteso che, per il divieto di analogia in materia di norme incriminatrici, non può ritenersi configurabile nè il reato previsto dall'art. 474 c.p. (che punisce, tra l'altro, il commercio di prodotti con marchi o segni distintivi contraffatti o alterati, ma non l'utilizzazione di marchi o segni distintivi autentici senza o oltre il consenso del titolare), nè il reato previsto dall'art. 471 c.p. (che punisce l'uso non autorizzato di sigilli e strumenti di autenticazione "veri" ma non quello di marchi o altri segni distintivi).

Cassazione penale sez. V  04 novembre 1999 n. 5247

 

L'esibizione di una paletta della Polizia di Stato da parte di un soggetto estraneo a tale amministrazione allo scopo di evitare la contestazione di sosta del proprio veicolo in zona vietata, integra il reato di cui all'art. 494 c.p. e non quello di cui all'art. 471 stesso codice, non avendo la paletta funzione di certificazione, essendo essa solo un segno distintivo della appartenenza di chi ne è munito a un corpo amministrativo dello Stato. Considerato, poi, che l'uso illecito di tale segno distintivo è finalizzato all'ottenimento di un vantaggio, è configurabile il reato di sostituzione di persona e non quello, meno grave, di usurpazione di titoli o di onori, di cui all'art. 498 c.p.

Cassazione penale sez. V  21 ottobre 1998 n. 12753  

 

Uso abusivo di sigilli

Non integra il reato di uso abusivo di sigilli (art. 471 cod. pen.) la condotta di colui che utilizzi il timbro riproducente il nome e cognome di un professionista (nella specie ingegnere) nonché il numero dell'iscrizione al relativo albo su relazioni relative a lavori di manutenzione straordinaria, considerato che esso non è strumento di pubblica autenticazione o certificazione, non essendo predisposto da un ente pubblico a tali fini; inoltre, le indicazioni in esso impresse, una volta apposte su un dato atto, non hanno una portata autonoma e diversa rispetto alle altre dichiarazioni in quest'ultimo contenute, trattandosi di un'apposizione che sostituisce enunciazione formale di provenienza senza che questa costituisca, tuttavia, oggetto di pubblica attestazione o certificazione. Per contro, gli strumenti destinati a pubblica autenticazione o certificazione, oggetto della tutela penale di cui all'art. 471, devono recare all'origine, nella stessa struttura e conformazione, l'indicazione di siffatta funzione, la quale, pertanto non può identificarsi con l'uso pratico che di volta in volta si faccia. Annulla senza rinvio, App. L'Aquila, 18 Maggio 2005

Cassazione penale sez. V  29 gennaio 2008 n. 8652  

 

Non integra il reato di uso abusivo di sigilli o altri strumenti di pubblica autenticazione o certificazione la condotta del medico il quale utilizzi il timbro ad inchiostro recante il nominativo ed il codice regionale di altro medico convenzionato con il S.s.n., su certificazioni mediche e prescrizioni, in quanto il suddetto timbro vale solo ad individuare la provenienza amministrativa di queste ultime e non la persona fisica del medico che le redige, tanto che di esso può avvalersi anche il sostituto temporaneo previa aggiunta del proprio timbro personale, la cui mancanza, peraltro, costituisce una irregolarità non rilevante sotto il profilo penale.

Cassazione penale sez. II  12 luglio 2001 n. 38333  

 

L'alterazione del mese e dell'anno nel timbro postale autentico apposto sulla busta contenente corrispondenza, in modo da far apparire la data falsa, è da ricondurre alla previsione degli art. 477 - 482 c.p. e non all'art. 471 c.p., perché l'indagato non si è procurato i veri sigilli o i veri strumenti destinati a pubblica autenticazione o certificazione.

Ufficio Indagini preliminari Milano  15 novembre 2000

 

Nessuna norma sanziona penalmente l'uso non autorizzato di marchi o segni distintivi autentici (nella specie, per sovrapproduzione, ossia per superamento dei limiti quantitativi di concessione nell'uso del marchio), onde il fatto rileva solo come illecito civile, atteso che, per il divieto di analogia in materia di norme incriminatrici, non può ritenersi configurabile nè il reato previsto dall'art. 474 c.p. (che punisce, tra l'altro, il commercio di prodotti con marchi o segni distintivi contraffatti o alterati, ma non l'utilizzazione di marchi o segni distintivi autentici senza o oltre il consenso del titolare), nè il reato previsto dall'art. 471 c.p. (che punisce l'uso non autorizzato di sigilli e strumenti di autenticazione "veri" ma non quello di marchi o altri segni distintivi).

Cassazione penale sez. V  04 novembre 1999 n. 5247

 

L'esibizione di una paletta della Polizia di Stato da parte di un soggetto estraneo a tale amministrazione allo scopo di evitare la contestazione di sosta del proprio veicolo in zona vietata, integra il reato di cui all'art. 494 c.p. e non quello di cui all'art. 471 stesso codice, non avendo la paletta funzione di certificazione, essendo essa solo un segno distintivo della appartenenza di chi ne è munito a un corpo amministrativo dello Stato. Considerato, poi, che l'uso illecito di tale segno distintivo è finalizzato all'ottenimento di un vantaggio, è configurabile il reato di sostituzione di persona e non quello, meno grave, di usurpazione di titoli o di onori, di cui all'art. 498 c.p.

Cassazione penale sez. V  21 ottobre 1998 n. 12753  

 

 

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti