codice-penale
Codice penale aggiornato  al  13 Feb 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 648 ter codice penale: Impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Chiunque, fuori dei casi di concorso nel reato e dei casi previsti dagli articoli 648 e 648bis, impiega in attività economiche o finanziarie denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto, è punito con la reclusione da quattro a dodici anni e con la multa da euro 5.000 a euro 25.000. (1)

La pena è aumentata quando il fatto è commesso nell’esercizio di un’attività professionale.

La pena è diminuita nell’ipotesi di cui al secondo comma dell’articolo 648. Si applica l’ultimo comma dell’articolo 648.


Giurisprudenza annotata

Impiego di danaro, beni, utilità di provenienza illecita.

Non è configurabile il concorso fra i delitti di cui agli art. 648 bis o 648 ter c.p. e quello di associazione mafiosa, quando la contestazione di riciclaggio o reimpiego nei confronti dell'associato abbia ad oggetto denaro, beni o utilità provenienti proprio dal delitto di associazione mafiosa, operando in tal caso la clausola di riserva contenuta nelle predette disposizioni. (In motivazione la Corte ha precisato che può configurarsi il concorso tra i reati sopra menzionati nel caso dell'associato che ricicli o reimpieghi proventi dei soli delitti-scopo alla cui realizzazione egli non abbia fornito alcun contributo causale).

Cassazione penale sez. un.  27 febbraio 2014 n. 25191  

 

Non è configurabile il concorso fra i delitti di cui agli art. 648 bis o 648 ter c.p. e quello di associazione mafiosa, quando la contestazione di riciclaggio o reimpiego nei confronti dell'associato abbia ad oggetto denaro, beni o utilità provenienti proprio dal delitto di associazione mafiosa, operando in tal caso la clausola di riserva contenuta nelle predette disposizioni. (In motivazione la Corte ha precisato che può configurarsi il concorso tra i reati sopra menzionati nel caso dell'associato che ricicli o reimpieghi proventi dei soli delitti-scopo alla cui realizzazione egli non abbia fornito alcun contributo causale).

Cassazione penale sez. un.  27 febbraio 2014 n. 25191  

 

Non è configurabile il concorso fra i delitti di cui gli art. 648 bis o 648 ter c.p. e quello di cui all'art. 416 bis c.p., quando la contestazione di riciclaggio o reimpiego riguardi denaro, beni o utilità provenienti proprio dal delitto di associazione mafiosa.

Cassazione penale sez. un.  27 febbraio 2014 n. 25191  

 

Il reato di cui all'art. 648 ter c.p. (impiego di denaro, beni e utilità di provenienza illecita) si distingue da quello di riciclaggio previsto dall'art. 648 bis c.p. perché ha per oggetto proventi illeciti normalmente già "ripuliti" e da quello di comune ricettazione, previsto dall'art. 648 c.p., rispetto al quale l'elemento specializzante consiste essenzialmente nel fatto che l'impiego dei proventi illeciti, a differenza di quanto si verifica nella ricettazione, non costituisce un "post factum" non punibile ma assume rilievo penale in quanto collocato in "attività economiche o finanziarie", per la cui individuazione può farsi utile riferimento alle norme civilistiche (in particolare, gli artt. 2082, 2135 e 2195 c.c.) in base alle quali costituiscono attività economiche quelle finalizzate alla produzione o alla scambio i beni e servizi e quindi anche le attività di finanziamento a titolo oneroso, quali la concessione di mutui.

Cassazione penale sez. II  11 dicembre 2013 n. 5546  

 

Il delitto di cui all'art. 648 ter c.p. è configurabile anche se per il reato presupposto, commesso all'estero, sia stata disposta dall'autorità giudiziaria straniera l'archiviazione per ragioni esclusivamente processuali che non escludono la sussistenza del reato. (Fattispecie relativa a procedimento per i reati di malversazione e spoliazione fraudolenta, commessi in Germania, per i quali il p.m., ai sensi del c.p.p. tedesco, aveva ritenuto di non esercitare temporaneamente l'azione penale per la mancanza di un interesse pubblico). Dichiara inammissibile, Trib. lib. Salerno, 27/12/2012

 

Cassazione penale sez. II  13 novembre 2013 n. 47218



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti