Codice penale Aggiornato il 13 febbraio 2015

Codice penale Art. 663-bis codice penale: Divulgazione di stampa clandestina

Codice penale Aggiornato il 13 febbraio 2015



Salvo che il fatto costituisca reato, chiunque in qualsiasi modo divulga stampe o stampati pubblicati senza l’osservanza delle prescrizioni di legge sulla pubblicazione e diffusione della stampa periodica e non periodica, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 103 a euro 619.

Per le violazioni di cui al presente articolo non è ammesso il pagamento in misura ridotta previsto dall’articolo 16 della legge 24 novembre 1981, n. 689.

Giurisprudenza annotata

Divulgazione di stampa clandestina

È manifestamente inammissibile la q.l.c. dell'art. 663 bis c.p., come modificato dall'art. 47 d.lg. 31 dicembre 1999 n. 507, in relazione al combinato disposto degli art. 5 l. 8 febbraio 1948 n. 47 e 45 l. 3 febbraio 1963 n. 69, sollevata in riferimento agli art. 3, 4, 18 e 21 cost., in quanto l'ordinanza di rimessione risulta affetta da un difetto assoluto di motivazione tanto in ordine alla rilevanza che alla non manifesta infondatezza della questione, difetto che, per il principio dell'autosufficienza della motivazione, non può essere sanato dal mero rinvio "per relationem" ad un atto di causa.

Corte Costituzionale  30 gennaio 2002 n. 8

 

Deve essere ordinata la restituzione al Giudice "a quo" (pretore di Livorno) degli atti relativi al giudizio di legittimità costituzionale del combinato disposto degli art. 663 bis c.p., 5 l. 8 febbraio 1948 n. 47, 45 l. 3 febbraio 1963 n. 69 per una nuova valutazione della rilevanza della questione alla luce del "jus superveniens" costituito dall'art. 47 d.lg. 30 dicembre 1999 n. 507 che ha depenalizzato la contravvenzione "de qua ".

Corte Costituzionale  21 aprile 2000 n. 116

 

La divulgazione di stampati privi del nome del solo stampatore non integra nè il delitto previsto dall'art. 16 l. 8 febbraio 1948, n. 47, nè la contravvenzione prevista dall'art. 663-bis c.p..

Cassazione penale sez. I  12 ottobre 1993

 

La divulgazione di stampati privi del nome del solo stampatore non integra nè il delitto previsto dall'art. 16 della l. 8 febbraio 1948 n. 47, nè la contravvenzione prevista dall'art. 663 bis c.p.

Cassazione penale sez. I  12 ottobre 1993

 

L'affissione di manifesti privi di tutte le indicazioni prescritte dalla legge, e quindi anche del nome e del domicilio dello stampatore, integra la contravvenzione di cui all'art. 663-bis c.p. e non quella di cui agli art. 16 e 17 della l. 8 febbraio 1948 n. 47.

Cassazione penale sez. VI  18 novembre 1977



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.