codice-penale
Codice penale aggiornato  al  13 Feb 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 734 codice penale: Distruzione o deturpamento di bellezze naturali

Chiunque, mediante ostruzioni, demolizioni, o in qualsiasi altro modo, distrugge o altera le bellezze naturali dei luoghi soggetti alla speciale protezione dell’Autorità, è punito con l’ammenda da euro 1.032 a euro 6.197.


Giurisprudenza annotata

Distruzione o deturpamento di bellezze naturali

La contravvenzione di cui all'art. 734 c.p., in quanto reato "a forma libera", è integrata da qualsiasi condotta, commissiva od omissiva, dolosa o colposa, che distrugga o alteri le bellezze naturali. (Dichiara inammissibile, Trib. Messina, 22/05/2013 )

Cassazione penale sez. III  17 settembre 2014 n. 48004  

 

Il reato, formale e di pericolo, previsto dall'art. 181 d.lg. n. 42 del 2004, che, indipendentemente dal danno arrecato al paesaggio, sanziona la violazione del divieto di intervento in determinate zone vincolate senza la preventiva autorizzazione amministrativa, può concorrere con la contravvenzione punita dall'art. 734 c.p., la quale, invece, presuppone l'effettivo danneggiamento delle aree sottoposte a protezione. (Dichiara inammissibile, G.i.p. Trib.Torre Annunziata, 02/04/2013)

Cassazione penale sez. III  06 maggio 2014 n. 37472  

 

Il reato, formale e di pericolo, previsto dall'art. 181 D.Lg. 22 gennaio 2004, n. 42, che, indipendentemente dal danno arrecato al paesaggio, sanziona la violazione del divieto di intervento in determinate zone vincolate senza la preventiva autorizzazione, può concorrere con la contravvenzione punita dall'art. 734 c.p., che presuppone l'effettivo danneggiamento delle aree sottoposte a protezione

Cassazione penale sez. III  06 maggio 2014 n. 24854  

 

Non sussiste nemmeno la fattispecie di cui all'art. 734 c.p. poiché ai fini della sussistenza dell'illecito penale non è sufficiente la semplice alterazione dello stato naturale delle cose ma occorre che tale alterazione abbia effettivamente determinato la distruzione o il deterioramento delle bellezze naturali.

Tribunale Taranto  20 settembre 2013 n. 175  

 

Lo sversamento di liquami direttamente in un fiume dovuto al blocco del funzionamento di un depuratore, causato da un guasto per carenza di manutenzione determina la sussistenza degli elementi costitutivi del reato di cui all'art. 734 c.p., qualora l'evento muti in modo rilevante, anche sotto il profilo temporale, le caratteristiche ambientali del corso d'acqua. (Conferma Trib. Chieti 24 maggio 2012 )

Cassazione penale sez. III  19 marzo 2013 n. 20737  

 

Il reato di distruzione o deturpamento di bellezze naturali è un reato di danno e a forma libera che si realizza con l’effettiva distruzione e depauperamento dei luoghi soggetti a speciale protezione (Nel caso di specie si trattava di un manufatto, non autorizzato, con aumento di cubatura nel comune di Anacapri in cui il piano regolatore stabiliva che la zona fosse “a verde agricolo” e il piano paesistico “ a protezione integrale”).

Tribunale Napoli  19 giugno 2012 n. 9146  

 

La contravvenzione di cui all'art. 734 c.p. si configura come un reato di danno, e non di pericolo, richiedendo per la sua punibilità che si verifichi in concreto la distruzione o l'alterazione delle bellezze protette. Non è sufficiente, pertanto, per integrare gli estremi del reato, la mera esecuzione di un'opera o la semplice alterazione dello stato naturale delle cose sottoposte a vincolo, ma occorre che tale alterazione abbia effettivamente determinato la distruzione o il deturpamento della bellezza naturale. (Conferma App. Palermo 19 gennaio 2011)

Cassazione penale sez. III  17 aprile 2012 n. 35792  

 

L'accertamento della distruzione o deturpamento di bellezze naturali, che costituisce il nucleo della corrispondente fattispecie criminosa, continua ad essere demandato, anche successivamente alle modifiche all'art. 181 del d.lg. n. 42 del 2004 apportate dalla l. n. 308 del 2004, al giudice penale, indipendentemente da ogni valutazione di compatibilità paesaggistica da parte dell'autorità amministrativa, rilevante, infatti, unicamente con riguardo all'elemento psicologico o alla gravità del reato. (In motivazione la Corte ha precisato che detta valutazione amministrativa ha efficacia scriminante con riguardo al solo reato di esecuzione di lavori non autorizzati su beni paesaggistici di cui all'art. 181 cit., fatta eccezione per i fatti commessi entro e non oltre il 30 settembre 2004, per i quali, ex art. 1, comma trentasette, l. n. 308 del 2004, è prevista l'estinzione anche del reato di cui all'art. 734 c.p.). Rigetta, Trib. Aosta, 06/10/2009

Cassazione penale sez. III  17 giugno 2010 n. 34205



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti