codice-penale
Codice penale aggiornato  al  13 Feb 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 98 codice penale: Minore degli anni diciotto

È imputabile chi, nel momento in cui ha commesso il fatto, aveva compiuto i quattordici anni, ma non ancora i diciotto, se aveva capacità d’intendere e di volere; ma la pena è diminuita.

Quando la pena detentiva inflitta è inferiore a cinque anni, o si tratta di pena pecuniaria, alla condanna non conseguono pene accessorie. Se si tratta di pena più grave, la condanna importa soltanto l’interdizione dai pubblici uffici per una durata non superiore a cinque anni, e, nei casi stabiliti dalla legge, la sospensione dall’esercizio della potestà dei genitori o dell’autorità maritale.


Giurisprudenza annotata

Minore di anni diciotto

In tema di imputabilità del minore ultraquattordicenne, non è stabilita dalla legge alcuna presunzione, né di capacità né di incapacità, spettando all'accusa l'onere della prova della capacità, sia cognitiva che volitiva, dello stesso alla stregua di quanto previsto per tutti gli altri elementi del reato. Rigetta, Gip Trib. Torino, 11/02/2010

Cassazione penale sez. I  05 maggio 2011 n. 33750

 

L'esame volto ad accertare la capacità d'intendere e di volere del minore che abbia compiuto i quattordici anni e non ancora i diciotto va compiuto, da un lato, con stretto riferimento al reato commesso e, dall'altro, con immediatezza rispetto a quest'ultimo, incidendo inevitabilmente il decorso del tempo sul processo di maturazione della persona. Rigetta, Gup Trib. Torino, 11/02/2010

Cassazione penale sez. I  05 maggio 2011 n. 33750

 

Ai fini dell'accertamento dell'imputabilità derivante da immaturità, l'indagine sulla personalità del minore non richiede necessariamente l'audizione di esperti o di soggetti che abbiano avuto rapporti con l'imputato - attività indicate dall'art. 9, comma secondo, d.P.R. n. 448 del 1988 solo quali strumenti eventuali ai quali si consente il ricorso ove necessario a tali fini - ma può essere condotta in base a tutti gli elementi desumibili dagli atti e, tra questi, alle modalità del fatto, esaminate anche in considerazione dell'età del minorenne. (In applicazione del principio di cui in massima la S.C. ha censurato la decisione con cui il giudice di merito ha dichiarato non luogo a procedere, in ordine al reato di cui all'art. 582 cod. pen., nei confronti di un imputato diciassettenne, ritenendo la carenza di prova in ordine alla capacità di intendere e di volere dell'imputato per l'impossibilità di acquisire, a causa del tempo trascorso dai fatti, una relazione sociopsicologica o altri elementi idonei). Annulla con rinvio, G.u.p. Trib. Min.Torino, 21/09/2010

Cassazione penale sez. V  28 aprile 2011 n. 27243  

 

Per i soggetti di età compresa tra i quattordici ed i diciotto anni il giudice penale è tenuto ad accertare, di volta in volta, con riferimento al singolo episodio criminoso, la capacità di intendere e di volere, e tale valutazione può dirsi compatibile con il contestuale accertamento dell'attenuante di cui all'art. 62, n. 3, c.p.; ciò in quanto l'incidenza di fattori ambientali nella capacità a delinquere e nella determinazione a commettere il reato, come una folla in tumulto, si attagliano perfettamente al concetto di incapacità sub specie di immaturità di cui all'art. 98 c.p., poiché nella personalità di un soggetto ancora in evoluzione ben può tale circostanza comportare un insufficiente controllo degli impulsi, momentaneo e confinato in circostanze di tempo e di luogo del tutto peculiari e dunque a prescindere dalla sua generica attitudine ad attenersi alle regola ed alla sua sufficiente socializzazione ed adeguato sviluppo.

Tribunale minorenni Milano  17 febbraio 2011

 

Non integra gli estremi dell'art. 498 c.p. né di altro illecito, penale o amministrativo, la condotta dell'imputato consistita nel mostrare una placca con la dicitura "investigatore privato", contestata come segno distintivo da investigatore privato, per il quale è richiesta specifica abilitazione dello stato, innanzitutto perché la fattispecie di cui all'art. 98 comma 1 c.p. non è più un reato bensì un illecito amministrativo, in secondo luogo perché non esiste un segno distintivo "ufficiale" degli investigatori privati. (Nella specie l'imputato era entrato in un settore riservato dello Stadio di calcio per assistere alla partita dopo avere sostenuto allo steward di essere delle forze di polizia, ma, interpellato da parte del servizio di vigilanza in sede di controllo del biglietto prima e dei carabinieri poi, aveva dichiarato a questi ultimi che stava lavorando come investigatore privato ad un caso di infedeltà coniugale e a consegnare un portafogli al cui interno era la placca con la dicitura "investigatore privato").

Tribunale La Spezia  24 novembre 2010 n. 1069  

 

Per dimostrare l'eventuale immaturità del minore infradiciottenne rispetto allo specifico tipo di condotta posta in essere, l'indagine deve essere volta all'accertamento della maturità psichica raggiunta dal minore. Qualora lo sviluppo morale e intellettuale del giovane sia tale da fargli comprendere la portata e le conseguenze del proprio comportamento, allora il minore può essere ritenuto imputabile, anche se con la diminuente della pena ex art. 98 c.p.

Cassazione penale sez. V  19 novembre 2010 n. 1498  

 

L'imputabilità del minore ultraquattordicenne non può essere esclusa, specie quando si riconosca la immediata percepibilità del disvalore del fatto a lui addebitato (nella specie, un furto aggravato), per il solo fatto che si tratti di soggetto irreperibile del quale, pertanto, non sia stato possibile accertare in positivo il grado di maturità.

Cassazione penale sez. V  12 novembre 2010 n. 4104  

 

La capacità di intendere e di volere del minore che abbia compiuto gli anni quattordici e non ancora i diciotto non è presunta ma deve essere accertata in concreto; ai fini di siffatta indagine non è necessario l'esperimento di apposita perizia, in quanto l'accertamento delle predette capacità non è necessariamente vincolato a particolari accertamenti tecnico-specialistici, ma ben può essere affidato alla diretta valutazione del giudice, con ogni mezzo a sua disposizione e con riferimento al caso concreto. (In applicazione del principio di cui in massima la S.C. ha censurato la decisione di declaratoria di non luogo a procedere fondata sulla mancanza di prova della capacità di intendere e di volere facendo assurgere un dato negativo (difetto di prova di capacità) ad elemento di prova positiva (rilievo di immaturità). Annulla con rinvio, Gip Trib. Torino, 04/02/2010

Cassazione penale sez. V  12 novembre 2010 n. 4104

 

Ai fini dell'accertamento della capacità di intendere e di volere del minore infradiciottenne, non è necessaria una specifica indagine peritale, ben potendo il giudice desumere la capacità del minore anche dalla diretta osservazione della sua personalità e del suo comportamento, purché la relativa decisione sia congruamente motivata. Rigetta, App. Genova, sez. min., 04 giugno 2009

Cassazione penale sez. V  29 aprile 2010 n. 24004  

 

Ai fini dell'accertamento della capacità di intendere e di volere del minore imputabile, valore preminente deve riconoscersi alla natura del fatto criminoso ed alle sue modalità esecutive. Per riconoscere, infatti, l'immoralità di alcuni fatti che si contrappongono alle regole più elementari di condotta è sufficiente uno sviluppo individuale anche limitato, sul quale non possono aver influenza specifiche condizioni socio-ambientali e familiari nelle quali il minore sia eventualmente vissuto. (Nella specie, in relazione ad una misura cautelare personale, la Corte ha ritenuto sufficientemente motivata l'ordinanza del Tribunale del riesame quanto alla sussistenza della capacità di intendere dell'indagato, poiché era stata evidenziata la gravità dei fatti ascritti - detenzione a fini di spaccio di ovuli di cocaina - in considerazione delle circostanze di luogo e di tempo). Rigetta, Trib. lib. Roma, 05 novembre 2009

Cassazione penale sez. IV  15 aprile 2010 n. 17661  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti