codice-proc-civile
Codice proc. civile agg.  al  28 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 130 cod. proc. civile: Redazione del processo verbale

Il cancelliere redige il processo verbale di udienza sotto la direzione del giudice.

Il processo verbale è sottoscritto da chi presiede l’udienza e dal cancelliere: di esso non si dà lettura, salvo espressa istanza di parte (1).


Commento

(1) Il verbale di udienza, nonostante sia stato chiuso e sottoscritto dal giudice, può, su istanza di parte, essere riaperto con revoca del provvedimento, già emesso, di fissazione dell’udienza successiva; ai fini della validità della riapertura dell’udienza, è necessaria, pena la sua nullità, la pronuncia della riapertura in presenza del difensore di controparte, salva la comunicazione d’ufficio a quest’ultimo del provvedimento stesso.


Giurisprudenza annotata

  1. Valore probatorio del verbale di udienza.

Poiché il verbale di udienza costituisce atto pubblico, che fa fede fino a querela di falso della sua provenienza da parte del pubblico ufficiale che lo forma e delle dichiarazioni rese dalle persone intervenute, la mancata sottoscrizione da parte dei testimoni delle dichiarazioni da essi rese e riportate a verbale, o la mancata lettura da parte del giudice della verbalizzazione delle loro dichiarazioni costituisce mera irregolarità della prova testimoniale e non già nullità della stessa, potendo presumersi, fino a querela di falso, che quanto riportato a verbale corrisponda a quanto dichiarato al giudice da parte dei testimoni. Cass. lav., 3 settembre 2003, n. 12828.

 

In ipotesi di non rispondenza al vero dei verbali redatti nel processo, per falsità materiale o ideologica, il giudice civile ha il potere-dovere di farne rapporto al procuratore della Repubblica e, qualora egli ometta tale adempimento, le parti hanno facoltà di farne denuncia, ma non è proponibile contro tali atti la querela di falso civile, la cui esperibilità postula che il documento impugnato sia prodotto dalla parte e che questa possa disporre della sua utilizzazione, laddove i verbali del processo, destinati a documentare le attività in esso svolte, non possono essere dal processo eliminati, né in tutto né in parte, a discrezione delle parti, nessuna delle quali ha su di essi qualsiasi potere dispositivo. Cass., Sez. Un., 16 gennaio 1999, n. 395; conforme Cass. 16 gennaio 1990, n. 153; Cass. 12 giugno 1971, n. 1819; Cass. 22 ottobre 1968, n. 3396.

 

Al verbale di udienza, sia essa pubblica o camerale, deve attribuirsi fede privilegiata, fino a querela di falso, sia della provenienza dal cancelliere che lo redige e degli atti da questi compiuti, sia dei fatti che egli attesta essere avvenuti in sua presenza, per cui, in difetto della descritta querela e di una sentenza che accerti la non veridicità del verbale, trova applicazione il principio generale di cui all’art. 76, secondo comma, c.p.c., per il quale le ordinanze pronunciate in udienza si ritengono conosciute dalle parti presenti e da quelle che dovevano comparirvi. Cass. 12 gennaio 2009, n. 440.

 

 

  1. Contestazione delle risultanze del verbale di udienza in sede di impugnazione.

Quando vi è coincidenza tra la composizione del collegio giudicante, risultante dal verbale dell’udienza di discussione della causa, redatto dal cancelliere, e quella indicata nell’intestazione della sentenza, sottoscritta dal presidente del collegio e dall’estensore, le risultanze di detti atti, che ex art. 2700 c.c. fanno fede, quanto alla composizione del collegio giudicante, fino a querela di falso, possono essere superate unicamente con il positivo esperimento della querela di falso medesima. Cass. 29 aprile 2010, n. 10282.

 

 

  1. Omessa sottoscrizione del verbale da parte del giudice, del cancelliere o del dichiarante.

La mancata assistenza del cancelliere nella formazione del processo verbale di udienza o l’omessa sottoscrizione del detto verbale da parte del cancelliere stesso non comportano l’inesistenza o la nullità dell’atto, in quanto la funzione del cancelliere ha soltanto natura integrativa di quella del giudice e le predette mancanze non incidono sull’idoneità dell’atto al concreto raggiungimento degli scopi cui è destinato. Cass. trib., 20 aprile 2007, n. 9389.

 

La mancata sottoscrizione del verbale d’udienza da parte del dichiarante non determina la nullità dell’atto, ma una mera irregolarità, ai sensi dell’art. 126 c.p.c., tenuto conto che le nullità degli atti processuali sono solo quelle previste dalla legge e che la mancata sottoscrizione della parte personalmente intervenuta in udienza non riceve specifica sanzione normativa, conservando il verbale l’efficacia probatoria di atto pubblico che fa fede fino a querela di falso della sua provenienza dal giudice che lo forma in qualità di pubblico ufficiale e delle dichiarazioni in esso riportate ancorchè non sottoscritte. Cass. 18 aprile 2011, n. 8874.

 

 

  1. Omessa sottoscrizione del verbale: fattispecie in materia di lavoro.

Nel rito del lavoro, ai fini dell’individuazione della data di decisione del giudizio rileva il verbale dell’udienza di discussione che attesta la lettura del dispositivo della sentenza, trattandosi di atto pubblico che fa fede fino a querela di falso. Cass. lav., 22 novembre 2011, n. 24573.

 

Nel rito del lavoro, l’attestazione della lettura del dispositivo all’udienza di discussione della causa deve risultare dal verbale di udienza, senza che assuma rilievo che, nella narrativa della sentenza, il collegio abbia dato atto del compimento di tale incombente, dovendosi escludere - a differenza di quanto stabilito dall’art. 126 c.p.c. per il cancelliere, al quale sono richieste specifiche attestazioni nella redazione del verbale di udienza - che l’art. 132, 2º comma, n. 4, c.p.c., nel prevedere, tra i contenuti necessari della sentenza, una «concisa esposizione dello svolgimento del processo», attribuisca al giudice un particolare potere certificativo. Cass. lav., 8 giugno 2009, n. 13165.

 

 

  1. Riapertura del verbale di udienza.

In tema di giudizio di opposizione all’esecuzione, una volta concluso il verbale di udienza nella contumacia dell’opposto e con il rinvio per conclusioni sull’istanza degli opponenti diligentemente presenti all’udienza, non è consentito riaprire il verbale stesso in assenza delle parti in precedenza ritualmente presenti ed ammettere, sempre in tale assenza, la produzione di documenti che si rivelino poi decisivi (quale, nella specie, la sentenza resa a conclusione del processo di merito nel cui corso si era formato il titolo esecutivo posto a fondamento dell’esecuzione opposta), atteso che tanto viola il diritto di difesa degli attori opponenti. Cass. 5 settembre 2011, n. 18114.



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti