codice-proc-civile
Codice proc. civile agg.  al  28 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 28 cod. proc. civile: Foro stabilito per accordo delle parti

La competenza per territorio può essere derogata per accordo delle parti (1), salvo che per le cause previste nei numeri 1, 2, 3 e 5 dell’articolo 70 (2), per i casi di esecuzione forzata, di opposizione alla stessa, di procedimenti cautelari e possessori, di procedimenti in camera di consiglio e per ogni altro caso in cui l’inderogabilità sia disposta espressamente dalla legge (3).


Commento

(1) Una volta che le parti abbiano derogato convenzionalmente alla competenza territoriale, il foro convenzionale, ancorché esclusivo non dà luogo ad un’ipotesi di competenza territoriale inderogabile che è configurabile solo per espressa previsione di legge. Conseguentemente, l’eccezione di incompetenza (in caso di violazione del foro pattiziamente individuato) dovrà essere proposta nel primo atto difensivo o dichiarata a verbale nella prima udienza, non potendosi applicare — in tal caso — il disposto del primo comma dell’art. 38 che sposta alla prima udienza di trattazione lo sbarramento per la proposizione dell’eccezione. L’inderogabilità, in ogni caso, si ha solo se espressamente prevista.

 

(2) Sono le cause per le quali l’intervento del pubblico ministero è obbligatorio, per la rilevanza pubblicistica e per la indisponibilità degli interessi dedotti in giudizio.

 

(3) La competenza per territorio è inderogabile nelle cause in cui sia parte una pubblica amministrazione, nei procedimenti per convalida di sfratto, nelle controversie individuali di lavoro, nelle cause relative a rapporti di locazione e comodato di immobili o di affitto di azienda, nonché nelle procedure concorsuali. La norma detta, in via generale, il principio della disponibilità della determinazione del foro territorialmente competente, facendo salve alcune categorie di controversie per le quali l’indicazione legislativa è inderogabile. Le eccezioni sono, per alcune ipotesi, elencate espressamente, mentre per altre si è seguita la tecnica dell’indicazione mediante rinvio



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti