codice-proc-civile
Codice proc. civile agg.  al  28 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 238 cod. proc. civile: Prestazione

Il giuramento decisorio è prestato personalmente dalla parte ed è ricevuto dal giudice istruttore. Questi ammonisce il giurante sull’importanza morale dell’atto e sulle conseguenze penali delle dichiarazioni false, e quindi lo invita a giurare.
Il giurante, in piedi, pronuncia a chiara voce le parole: «consapevole della responsabilità che col giuramento assumo, giuro …», e continua ripetendo le parole della formula su cui giura.


Giurisprudenza annotata

Illegittimità costituzionale

Sono costituzionalmente illegittimi per violazione degli artt. 2, 3 e 19 Cost., l’art. 238, 2º comma c.c., limitatamente alle parole «davanti a Dio ed agli uomini», e l’art. 238, 1º comma, seconda proposizione limitatamente alle parole «religiosa».

Corte cost. 8 ottobre 1996, n. 334.

 

Aggiunte o varianti alla formula

Il giuramento decisorio deve considerarsi prestato anche quando il giurante abbia apportato alla formula del giuramento aggiunte e varianti che ne costituiscano semplici chiarimenti senza alterarne la sostanza. Il relativo giudizio di valutazione, se adeguatamente motivato, non è censurabile in sede di legittimità, in quanto costituisce un apprezzamento di fatto riservato al giudice di merito.

Cass. 3 luglio 2008, n. 18207.

 

Nullità e rinnovazione

In tema di giuramento decisorio, non comportano nullità la mancata verbalizzazione della formula e l’omessa pronuncia della parola “giuro”, atteso che detta nullità, ipotizzabile solo nei casi tipizzati dalla legge a norma dell’art. 156 c.p.c., non è prevista dagli artt. 238 e 239 c.p.c., sempre che l’atto presenti tutti i requisiti formali indispensabili per il raggiungimento dello scopo per il quale è stato introdotto, a norma dell’art. 156, terzo comma, c.p.c.

Cass. lav., 12 novembre 2008, n. 27026.

 

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti