codice-proc-civile
Codice proc. civile agg.  al  28 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 271 cod. proc. civile: Costituzione del terzo chiamato

Al terzo si applicano, con riferimento all’udienza per la quale è citato, le disposizioni degli articoli 166 e 167, primo comma (1). Se intende chiamare a sua volta in causa un terzo, deve farne dichiarazione a pena di decadenza nella comparsa di risposta ed essere poi autorizzato dal giudice ai sensi del terzo comma dell’articolo 269 (2).

 



Commento

(1) La Corte costituzionale, con sent. 23-7- 1997, n. 260, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del presente articolo, nella parte in cui non prevede per il terzo chiamato in causa l’applicazione dell’art. 167, c. 2. Infatti, non prevedere alcuna decadenza nel caso in cui il terzo chiamato in causa proponeva domanda riconvenzionale oltre l’udienza per la quale era stato citato, comportava modificazioni ed ampliamenti del thema decidendum espressamente contrastati dalla riforma del codice di rito.

 

(2) Il chiamato che intenda, a sua volta, fare intervenire in causa un terzo deve dichiararlo nella comparsa di risposta ma, come l’attore, deve essere autorizzato dal giudice ex art. 269, c. 3.



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti