codice-proc-civile
Codice proc. civile agg.  al  28 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 281 cod. proc. civile: Rinnovazione di prove davanti al collegio

Quando ne ravvisa la necessità, il collegio, anche d’ufficio, può disporre la riassunzione davanti a sé di uno o più mezzi di prova (1).


Commento

(1) La norma in esame prevede che il collegio possa disporre, con valutazione discrezionale ed insidacabile, salvo che sia inficiata da errori di diritto, la riassunzione diretta di un mezzo di prova già assunto dal G.I. L’esercizio del potere di disporre la rinnovazione della prova involge un giudizio di mera opportunità che non può formare oggetto di censura in sede di legittimità. Si ritiene, però, che il collegio possa disporre l’assunzione diretta di una prova davanti a sé anche non precedentemente assunta dal giudice istruttore.


Giurisprudenza annotata

L’esercizio del potere di disporre la rinnovazione dell’esame dei testimoni previsto dall’art. 257 c.p.c., esercitabile anche nel corso del giudizio di appello in virtù del richiamo contenuto nell’art. 359, involge un giudizio di mera opportunità che non può formare oggetto di censura in sede di legittimità, neppure sotto il profilo del difetto di motivazione.

Cass. 20 aprile 2010, n. 9322; conforme Cass. 13 ottobre 2000, n. 13647.

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti