codice-proc-civile
Codice proc. civile agg.  al  28 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 403 cod. proc. civile: Impugnazione della sentenza di revocazione

Non può essere impugnata per revocazione la sentenza pronunciata nel giudizio di revocazione.

Contro di essa sono ammessi i mezzi d’impugnazione ai quali era originariamente soggetta la sentenza impugnata per revocazione (1).


Commento

Sentenza: [v. 132]; Revocazione: [v. 395]; Mezzi di impugnazione: [v. Libro II, Titolo III].

 

(1) Ciò si spiega per il fatto che la sentenza pronunciata in sede di revocazione si sostituisce a quella revocata.


Giurisprudenza annotata

Impugnazione della sentenza di revocazione.

 

  

  1. Ambito di applicazione.

Nel ricorso per cassazione proposto avverso la sentenza emessa nel giudizio di revocazione non sono deducibili censure diverse da quelle previste dall’art. 360 c.p.c., e, in particolare, non sono denunciabili ipotesi di revocazione ex art. 395 c.p.c., non rilevando in contrario la circostanza che la sentenza pronunciata nel giudizio di revocazione non possa essere a sua volta impugnata per revocazione. Cass. 19 marzo 2007, n. 6441.

 

È inammissibile il ricorso per cassazione proposto per saltum quando manchi il presupposto dell’accordo tra le parti, senza che rilevi in senso contrario il fatto che la sentenza impugnata sia stata resa su ricorso per revocazione, prevedendo l’art. 403, 2º comma, c.p.c. gli stessi mezzi di impugnazione cui era originariamente soggetta la sentenza impugnata per revocazione. Cass. sez. I, 11 maggio 2007, n. 10871.

 

Ai sensi dell’art. 86 del regolamento di procedura dinanzi al consiglio di stato, adottato con R.D. 17 agosto 1907 n. 642, la domanda di revocazione non è ammessa contro la decisione pronunziata in sede di revocazione, e ciò in quanto tale norma, a somiglianza dell’art. 403 c.p.c., mira ad evitare che la definizione di una lite sia oggetto di ripetute contestazioni che impediscano la formazione di una statuizione idonea a concludere definitivamente la controversia. Cons. St., 22 marzo 2007, n. 1396.



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti