codice-proc-civile
Codice proc. civile agg.  al  28 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 425 cod. proc. civile: Richiesta di informazioni e osservazioni alle associazioni sindacali

Su istanza di parte, l’associazione sindacale indicata dalla stessa ha facoltà di rendere in giudizio, tramite un suo rappresentante, informazioni e osservazioni orali o scritte (1)(2).
Tali informazioni e osservazioni possono essere rese anche nel luogo di lavoro ove sia stato disposto l’accesso ai sensi del terzo comma dell’articolo 421.
A tal fine, il giudice può disporre ai sensi del sesto comma dell’articolo 420 (3).
Il giudice può richiedere alle associazioni sindacali il testo dei contratti e accordi collettivi di lavoro, anche aziendali, da applicare nella causa (4)(5).


Commento

Associazione sindacale: [v. 410]; Contratti e accordi collettivi di lavoro: [v. 410].

 

(1) La richiesta di informazioni ed osservazioni alle associazioni sindacali può essere fatta dalle parti o d’ufficio dal giudice. Quest’ultima ipotesi ricorre soprattutto quando, a seguito della richiesta di parte, l’associazione non abbia risposto. Infatti, l’associazione mentre ha la facoltà (e non già l’obbligo) di rispondere alla richiesta delle parti, è invece tenuta a farlo quando lo chiede il giudice [v. 421].

 

(2) Il giudice, pur non essendo obbligato a richiedere alle associazioni sindacali informazioni su circostanze rilevanti ai fini del giudizio, ha tuttavia l’onere, ove la parte fomuli l’istanza, di motivare le ragioni del mancato esercizio del potere discrezionale e del rigetto dell’istanza stessa.

 

(3) Le parti possono depositare note difensive riguardo alle informazioni e osservazioni delle associazioni sindacali.

 

(4) L’acquisizione dei contratti e accordi collettivi va disposta sempre sulla base delle allegazioni e deduzioni delle parti.

 

(5) I contratti collettivi devono essere prodotti dal ricorrente. Tuttavia, la mancata produzione non è sufficiente per il rigetto della domanda se non sono contestati l’esistenza e il contenuto del contratto.


Giurisprudenza annotata

Richiesta di informazioni e osservazioni alle associazioni sindacali.

 

 

 

  1. Funzione.

Le informazioni e osservazioni, che, ai sensi dell’art. 425 c.p.c., possono essere fornite in giudizio dall’associazione sindacale indicata dalla parte, sono inidonee, anche in considerazione del loro carattere unilaterale, ad identificare la comune intenzione delle parti stipulanti il contratto collettivo, rilevante ai sensi dell’art. 1362 c.c., ma, salva l’ipotesi in cui siano suffragate da elementi aventi un’intrinseca valenza probatoria, hanno la funzione di fornire chiarimenti ed elementi di valutazione riguardo agli elementi di prova già disponibili, rientrando, in tali limiti, nella nozione di materiale istruttorio valutabile, con la motivazione richiesta dalle circostanze, dal giudice. Cass. lav., 15 marzo 2010, n. 6204.



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti