codice-proc-civile
Codice proc. civile agg.  al  28 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 540-bis cod. proc. civile: Integrazione del pignoramento

 

((Quando le cose pignorate risultano invendute a seguito del secondo o successivo esperimento ovvero quando la somma assegnata, ai sensi degli articoli 510, 541 e 542, non e’ sufficiente a soddisfare le ragioni dei creditori, il giudice, ad istanza di uno di questi, provvede a norma dell’ultimo comma dell’articolo 518 (1). Se sono pignorate nuove cose, il giudice ne dispone la vendita senza che vi sia necessita’ di nuova istanza. In caso contrario, dichiara l’estinzione del procedimento, salvo che non siano da completare le operazioni di vendita)).


Commento

Creditori: [v. 529]; Vendita: [v. 503]; Estinzione: [v. Libro III, Titolo VI].

 

(1) Con la riforma è stato esteso l’ambito applicativo della fattispecie dell’integrazione del pignoramento, prevedendosi che, qualora la vendita dei beni pignorati risulti infruttuosa anche al secondo o successivo tentativo ovvero qualora la somma assegnata in sede di distribuzione, amichevole o giudiziale, del ricavo della vendita sia insufficiente a soddisfare le ragioni dei creditori, il G.E., su istanza di uno dei creditori (da formulare in un termine non specificato dalla norma in esame), ordini l’integrazione del pignoramento. In tal caso, l’ufficiale giudiziario riprende senza indugio le operazioni di ricerca dei beni.



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti