codice-proc-civile
Codice proc. civile agg.  al  28 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 627 cod. proc. civile: Riassunzione

Il processo esecutivo deve essere riassunto con ricorso (1) nel termine perentorio fissato dal giudice dell’esecuzione e, in ogni caso, non più tardi di sei mesi dal passaggio in giudicato della sentenza di primo grado o dalla comunicazione della sentenza d’appello che rigetta l’opposizione (2).


Commento

Termine perentorio: [v. 153]; Giudice dell’esecuzione: [v. 484]; Passaggio in giudicato: [v. 324]; Comunicazione: [v. 136]; Sentenza: [v. 132]; Opposizione: [v. Libro III, Titolo V]. Riassunzione: atto processuale di parte tramite il quale si realizza la ripresa dello svolgimento ordinario del processo, che ha in precedenza subito un arresto. Ricorso: è la forma di un atto di parte introduttivo di un giudizio, alternativo alla citazione, ed è tipico di alcuni procedimenti. Assume la forma di (—) qualsiasi istanza che le parti debbano rivolgere al giudice nel processo esecutivo.

 

(1) Soggetti legittimati a proporre il ricorso al giudice sono il creditore procedente, qualunque creditore intervenuto (purché munito di titolo esecutivo) ed il debitore. Si discute se con tale ricorso si chieda al giudice dell’esecuzione il compimento dell’atto successivo all’ultimo compiuto prima della sospensione o il compimento dell’atto esecutivo impedito dalla sospensione.

 

(2) La norma riconosce l’effetto processuale di consentire la riassunzione del procedimento esecutivo solo alla sentenza di appello che rigetta un’opposizione all’esecuzione o agli atti esecutivi, ancorché non passata in giudicato.


Giurisprudenza annotata

Riassunzione.

 

 

  1. In generale; 1.1. Competenza; 1.2. Dies ad quem; 1.2.1. Segue: Sentenza emessa in primo ed unico grado.

 

 

  1. Riassunzione.

L’opposizione a precetto non impedisce di per sé al creditore di dare inizio all’esecuzione, in quanto l’art. 481 c.p.c. ad essa ricollega soltanto l’effetto di sospendere il termine di efficacia del precetto stesso, non già quello della sospensione dell’esecuzione, che è istituto diverso, senza che rilevi in contrario che l’identificazione delle cause di cessazione della sospensione sia per questo, come per l’altro, desumibile dall’art. 627 c.p.c. Cass. 13 aprile 2011, n. 8465.

 

 

1.1. Competenza.

Compete al giudice dell’esecuzione all’esito del giudizio di opposizione provvedere sull’istanza di revoca della sospensione e, quindi, di riassunzione del processo esecutivo, e, nel silenzio del codice, e per parallelo con la forma assumibile dal provvedimento sospensivo (art. 625 comma 2 c.p.c.), anche il provvedimento relativo va adottato con la forma del decreto e con contraddittorio posticipato. Cass. 19 aprile 1993, n. 4569.

 

 

1.2. Dies ad quem.

L’art. 627 c.p.c., nello stabilire che «il processo esecutivo deve essere riassunto con ricorso nel termine perentorio fissato dal giudice dell’esecuzione e, in ogni caso, non più tardi di sei mesi dal passaggio in giudicato della sentenza di primo grado o dalla comunicazione della sentenza di appello che rigetta l’opposizione», individua nella data di detta comunicazione il termine ultimo di decorrenza da cui calcolare il periodo di sei mesi entro il quale (pena l’estinzione) il processo esecutivo deve comunque essere riassunto (nonostante la possibilità di impugnazione); ed il giudice dell’esecuzione può provvedere alla predetta fissazione solo rispettando tale data ultima e tale termine di sei mesi, che comunque prevalgono sulla data eventualmente più lontana e sul termine eventualmente più lungo fissati dal giudice medesimo. Cass. 21 luglio 2004, n. 13571.

 

A seguito dell’introduzione, per effetto della novellazione dell’art. 282 c.p.c. da parte dell’art. 33 l. 26 novembre 1990 n. 353, del principio di immediata efficacia della sentenza di primo grado, l’art. 627 c.p.c., nella parte in cui allude alla riassunzione del processo esecutivo nel termine di sei mesi dal passaggio in cosa giudicata della sentenza di primo grado che rigetta l’opposizione all’esecuzione, deve essere inteso nel senso che tale momento segna soltanto il dies a quo del termine per la riassunzione (che, se la sentenza viene impugnata, non decorre, venendo sostituito dal momento della comunicazione della sentenza di appello che rigetti l’opposizione) e non il momento di insorgenza del potere di riassumere, il quale, in conseguenza dell’immediata efficacia della sentenza di primo grado di rigetto dell’opposizione ai sensi dell’art. 282 c.p.c., nasce con la sua stessa pubblicazione. Cass. 21 novembre 2011, n. 24447.

 

L’art. 627 c.p.c. stabilisce che in mancanza del termine perentorio fissato dal giudice dell’esecuzione, il processo esecutivo deve essere riassunto con ricorso nel termine di sei mesi «dal passaggio in giudicato della sentenza di primo grado o dalla comunicazione della sentenza di appello che rigetta l’opposizione». Pertanto, ove non sia stata pronunciata sentenza di appello di rigetto dell’opposizione, risulta inapplicabile la norma predetta e, mancando nell’art. 549 c.p.c. una alternativa alla ipotesi di fissazione, da parte del giudice, del termine per la riassunzione, devesi far applicazione della norma dell’art. 297 c.p.c., stante la sostanziale assimilabilità di questa ipotesi alla fattispecie della sospensione ex art. 295 c.p.c., cosicché il termine decorre dalla data del passaggio in giudicato della sentenza resa nella controversia che abbia determinato la sospensione del processo esecutivo. Cass. 29 marzo 2007, n. 7760.

 

 

1.2.1. Segue: Sentenza emessa in primo ed unico grado.

Anche al fine della decorrenza del termine semestrale per la riassunzione del processo esecutivo, previsto dall’art. 627 c.p.c. la sospensione dell’esecuzione disposta a seguito della proposizione di opposizione agli atti esecutivi non cessa immediatamente con il deposito della sentenza emessa in primo ed unico grado che definisce il giudizio di opposizione ma dura fino al suo passaggio in giudicato in senso formale allorquando avverso la sentenza stessa sia stata proposta impugnazione nei modi previsti dalla legge. Cass. 23 luglio 1991, n. 8251.



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti