codice-proc-civile
Codice proc. civile agg.  al  28 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 631 cod. proc. civile: Mancata comparizione all’udienza

Se nel corso del processo esecutivo (1) nessuna delle parti (2) si presenta all’udienza, fatta eccezione per quella in cui ha luogo la vendita, il giudice dell’esecuzione fissa una udienza successiva di cui il cancelliere dà comunicazione alle parti. (1)
Se nessuna delle parti si presenta alla nuova udienza, il giudice dichiara con ordinanza l’estinzione del processo esecutivo.

Si applica l’ultimo comma dell’articolo precedente.

(1) Il D.L.14 marzo 2005, n. 35,convertito con modificazioni dalla L. 14 maggio 2005, n. 80 , come modificato dal D.L.30 dicembre 2005, n. 273, convertito con modificazioni dalla L. 23 febbraio 2006, n. 51, ha disposto (con l’art. 2, comma 3-sexies) che “Le disposizioni di cui ai commi 3, lettera e), numeri da 2) a 43-bis), e 3-ter, lettere a-bis), b), c), c-bis), d), e) ed f), entrano in vigore il 1° marzo 2006 e si applicano anche alle procedure esecutive pendenti a tale data di entrata in vigore. Quando tuttavia è già stata ordinata la vendita, la stessa ha luogo con l’osservanza delle norme precedentemente in vigore. L’intervento dei creditori non muniti di titolo esecutivo conserva efficacia se avvenuto prima del 1° marzo 2006.”


Commento

Giudice dell’esecuzione [v. 484]; Cancelliere: [v. 57]; Comunicazione: [v. 136]; Estinzione: [v. Libro III, Titolo VI].

 

(1) Ovviamente, la norma troverà applicazione nei casi in cui l’esecuzione si svolga in varie udienze. Si esclude, quindi, l’applicabilità per le esecuzioni che si esauriscono in un solo atto, quali ad esempio l’esecuzione per consegna o per rilascio.

 

(2) Sicuramente non rientra tra le parti il debitore, la cui presenza è irrilevante, non avendo egli alcun potere di iniziativa se tutti i creditori sono assenti.


Giurisprudenza annotata

Mancata comparizione all’udienza.

 

 

  1. In generale; 2. Vendita con incanto.

 

 

  1. In generale.

Nell’espropriazione forzata presso terzi l’udienza di comparizione del terzo e del creditore, fissata nell’atto di pignoramento, va tenuta anche se il creditore pignorante non si sia costituito depositando il titolo esecutivo ed il precetto, né la mancata costituzione e comparizione del creditore pignorante all’udienza determinano l’improseguibilità dell’azione esecutiva e l’estinzione del processo dichiarabili di ufficio, ma solo impongono che il giudice dell’esecuzione fissi una nuova udienza a norma del primo comma dell’art. 631 c.p.c., con conseguente estinzione del processo, da dichiararsi di ufficio in base al disposto del secondo comma dello stesso articolo, ove il creditore pignorante non si presenti anche alla nuova udienza. Cass. 11 novembre 2002, n. 15806; conforme Cass. 8 marzo 1991, n. 2477.

 

Nel pignoramento di crediti del debitore verso terzi, la mancata dichiarazione del terzo produce l’effetto dell’apertura di un giudizio di accertamento dell’obbligo del terzo su richiesta del creditore procedente, ai sensi dell’art. 548 c.p.c., senza che possa invocarsi l’estinzione del processo esecutivo, la quale si verifica nei casi indicati dagli articoli 629 e 631 del codice di rito. Cass. 6 aprile 2006, n. 8112.

 

 

  1. Vendita con incanto.

Qualora in sede di incanto non siano presenti il creditore procedente né i creditori muniti di titolo esecutivo non si applica l’art. 631 c.p.c., che prevede il rinvio dell’udienza da parte del giudice dell’esecuzione se nessuna delle parti si presenta all’udienza, posto che: a) la distinzione tra «udienza», come luogo dell’incanto, ed «incanto», come complesso di operazioni volte all’individuazione dell’aggiudicatario sulla base delle condizioni stabilite nell’ordinanza di autorizzazione della vendita, esclude che le norme dettate per lo svolgimento dell’udienza possano applicarsi meccanicamente all’incanto; b) l’impulso processuale del processo esecutivo è esercitato con la richiesta di vendita e il provvedimento di autorizzazione alla vendita viene adottato all’udienza di cui all’art. 569 c.p.c., sicché non troverebbe giustificazione conferire rilievo alla successiva inerzia del creditore procedente o dei creditori intervenuti; c) sarebbe contraria al principio costituzionale della ragionevole durata del processo un’interpretazione che consentisse al creditore procedente di cagionare il differimento dell’incanto non presenziando allo stesso pur dopo averlo richiesto, con detrimento anche dei soggetti estranei all’esecuzione che abbiano sopportato gli oneri per partecipare all’incanto. Cass. 19 luglio 2004, n. 13354.

 

Contra: La vendita forzata immobiliare con incanto eseguita in assenza del creditore pignorante o di creditori intervenuti muniti di titolo esecutivo è insanabilmente nulla, in quanto in assenza di detti soggetti legittimati a promuovere gli atti esecutivi il giudice dell’esecuzione è carente del relativo potere, trovando applicazione l’art. 631 c.p.c. che stabilisce che, se nel corso del processo esecutivo nessuna delle parti si presenta all’udienza, il giudice dell’esecuzione deve fissare una udienza successiva di cui il cancelliere dà comunicazione alle parti; Cass. 4 settembre 1985, n. 4612, alle udienze fissate per la vendita del bene pignorato è indispensabile la presenza di un soggetto legittimato a promuovere gli atti del processo esecutivo, e, quindi, del creditore procedente o di un creditore intervenuto munito di titolo esecutivo, trovando applicazione, in caso contrario, le disposizioni dell’art. 631 c.p.c. sulla mancata comparizione delle parti. Cass. 14 maggio 1991, n. 13354.



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti