codice-proc-civile
Codice proc. civile agg.  al  28 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 764 cod. proc. civile: Opposizione

Chiunque vi ha interesse può fare opposizione alla rimozione dei sigilli con dichiarazione inserita nel processo verbale di apposizione o con ricorso al giudice.
Il giudice fissa con decreto una udienza per la comparizione delle parti e stabilisce il termine perentorio entro il quale il decreto stesso deve essere notificato a cura dell’opponente.
Il giudice provvede con ordinanza non impugnabile e, se ordina la rimozione, può disporre che essa sia seguita dall’inventario e può dare le opportune cautele per la conservazione delle cose che sono oggetto di contestazione.


Giurisprudenza annotata

Opposizione.

 

 

  1. Ambito della cognizione; 2. Tipicità del rimedio.

 

 

  1. Ambito della cognizione.

L’art. 764 del codice vigente esclude, in sede di opposizione alla rimozione dei sigilli, un accertamento pieno in ordine alle contrastanti pretese di carattere sostanziale e dispone conseguentemente che sull’opposizione pronuncia il pretore, il quale ha provveduto ad apporre i sigilli, con ordinanza inoppugnabile. Essa chiude senz’altro lo speciale procedimento cautelare di opposizione (non prevedendosi dalla legge un ulteriore giudizio di convalida), mentre le parti possono sempre spiegare, in separati giudizi di cognizione innanzi al giudice competente secondo le regole ordinarie, le loro pretese di carattere sostanziale sulle cose per cui i sigilli sono state apposte. Cass., 4 marzo 1959, n. 617; conforme Cass. 5 aprile 1968, n. 1044.

 

 

  1. Tipicità del rimedio.

Il rimedio dell’opposizione allo stesso giudice si può applicare solo nel caso nel quale è espressamente previsto, giammai con riguardo ai provvedimenti resi nel successivo procedimento di inventario Trib. Napoli, 4 luglio 1974.



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti